Home Cronaca Cronaca Savona

Deragliamento treno Andora, sei imputati alla sbarra l’8 novembre

0
CONDIVIDI
Deragliamento treno Andora, sei imputati alla sbarra l’8 novembre

SAVONA. 26 MAG. Sarà il prossimo 8 novembre davanti al Gip Fiorenza Giorgi, l’udienza che vede alla sbarra i sei imputati per il deragliamento dell’intercity Milano-Ventimiglia del 17 gennaio 2014 ad Andora.

Si tratta di Vincenzo Di Troia, della figlia Giulia e del marito Raffaele De Carlo. Si tratta dei proprietari del terrazzino che crollando causò lo smottamento del terreno che andò a riversarsi lungo i binari della ferrovia.

Davanti al gup compiranno anche Damiano Bonomi amministratore unico della Costruzioni Edili Bergamasche e realizzatore del terrazzo, il tecnico Giovanni Bosi che si sarebbe dovuto occupare di verificare la stabilità della struttura in cemento armato.


Il sesto imputato è il genovese Franco Dagnino, dirigente della Ferservizi.

Quest’ultimo secondo i pm, pur conoscendo i dissesti della struttura, non li avrebbe riferiti ai superiori e ai vertici della Rfi.

Per tutti l’accusa è di disastro ferroviario, frana e crollo colposo di un terrazzino adibito a parcheggio.

Sull’intercity diretto a Ventimiglia quel giorno viaggiavano circa 200 persone; a causa del deragliamento del treno i collegamenti tra il levante e il ponente della Liguria vennero interroti per i successivi mesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here