Degrado, M5S: favorire assegnazione case popolari a giovani famiglie

2
CONDIVIDI
Il capogruppo regionale M5S Fabio Tosi
Il consigliere regionale Fabio Tosi del M5S
Il consigliere regionale Fabio Tosi del M5S

GENOVA. 16 LUG. “Presto depositeremo un atto urgente in Regione sul caso e lo stesso faremo in consiglio comunale di Sestri Levante. Allo stesso tempo, ci sarà da lavorare sulla normativa che regola le assegnazioni degli alloggi, favorendo l’ingresso di nuclei famigliari giovani, con un’attenzione particolare alle fasce deboli, facendo di tutto per mantenere vivo il quartiere e strapparlo a delinquenza, incuria e degrado”.

Ieri mattina nuovo sopralluogo alle case popolari della Lavagnina, a Sestri Levante, da parte di Fabio Tosi e Martino Tassano, rispettivamente consiglieri del M5S in Regione e in Comune, che hanno accompagnato l’assessore comunale ai Servizi sociali Pinasco a vedere di persona le condizioni disastrose degli alloggi di ARTE.

“Abbiamo avuto la conferma della gravissima emergenza igienico-sanitaria in atto, legata in particolare alla rete fognaria” osserva Tosi, che ha sottolineato la drammatica situazione economica di Arte: “A causa del blocco pressoché totale di affitti e vendite, mancano all’appello quasi 2 milioni di euro per poter fare manutenzioni vere e non tanti “tappulli” che non risolvono i problemi. Solo la rete fognaria, secondo le stime dell’ingegnere di Arte, costerebbe tra i 150 e i 180mila euro”.

 

“Ben venga che la vecchia politica, seppur tardivamente, si sia mossa. E un grazie all’assessore Pinasco, che si è resa disponibile a visionare l’area – ha aggiunto Tosi – ma dove sono stati gli amministratori locali e regionali in tutti questi anni, mentre le case popolari cadevano a pezzi e i residenti vivevano in queste condizioni?”.

Tosi non ha risparmiato una stoccata al consigliere regionale del Pd, Luca Garibaldi: “Invece di inviare lettere a Scajola, lo invitiamo a fare un giro da queste parti per vedere di persona le condizioni in cui vivono i residenti della Lavagnina”.

 

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO