De Paoli ha smentito frase su gay: vittima di pregiudizi politici

0
CONDIVIDI
Gogna mediatica per il consigliere regionale Giovanni De Paoli (Lega): ora M5S e Rete a Sinistra hanno ritirato la mozione contro di lui
Il consigliere regionale Giovanni De Paoli (Lega) oggi pomeriggio ha smentito la frase sui gay: ho detto esattamente il contrario, sono vittima di strumentalizzazioni politiche
Il consigliere regionale Giovanni De Paoli (Lega) oggi pomeriggio ha smentito la frase sui gay: ho detto esattamente il contrario, sono vittima di strumentalizzazioni politiche

GENOVA. 10 FEB. Bufera su violente dichiarazioni contro gay. L’ufficio stampa del consiglio regionale oggi pomeriggio ha comunicato la dichiarazione ufficiale di Giovanni De Paoli (Lega), che ha smentito quanto riferito stamane ai media.

«Un grande polverone sul niente, come troppo spesso avviene quando si parla del centro destra italiano, vittima di pregiudizi evidentemente duri a finire. Non ho mai detto la frase che mi è stata erroneamente attribuita dagli organi di stampa, peraltro non presenti all’evento in questione. Al contrario la mia frase era esattamente opposta e nello specifico “se avessi un figlio gay non lo brucerei nel forno”. Qualche orecchio malizioso ha voluto cancellare il “non”, cambiando il senso completo delle mie dichiarazioni. Viene troppo facile pensare che qualcuno abbia voluto colpire chi ha accompagnato il gonfalone della Regione Liguria al Family day, trasformando un contributo nobile in un intervento becero, quanto inesistente. Se qualcuno si è sentito colpito da parole che non ho, ripeto, non ho detto, mi scuso comunque. Certi metodi di condurre o montare ad arte un episodio inesistente qualificano chi lo fa e sono lontani  dal mio modo di intendere la politica e il mio impegno civico».

 

LASCIA UN COMMENTO