ARCHIVIO

DDL CONCORRENZA. PREVENTIVO PER AVVOCATI, MENO POTERE AI NOTAI

ROMA. 21 FEB. Stilato il nuovo Ddl Concorrenza che riguarderà, fra l’altro, i contratti di fornitura di servizi, i conti correnti bancari più "trasparenti"; portabilità anche per i fondi pensione e norme proprio non a favore di professionisti vari, dagli avvocati ai notai per passare dagli ingegneri e dai farmacisti.
In particolare per gli avvocati si elimina il vincolo di appartenenza ad una sola associazione professionale, si introduce l' obbligo di presentare un preventivo che fino ad oggi veniva eseguito solo su richiesta dell'assistito e consente le società multiprofessionali e l'ingresso di soci di capitali.

Per quanto riguarda i notai vengono ridotti gli atti per i quali è richiesta l'autentica notarile e si individuano i casi nei quali questa può essere concessa anche da altri soggetti come avvocati e commercialisti.
Sarà consentito anche ad altri professionisti di redigere atti per transazioni immobiliari di modesta entità, in particolare sotto i 100.000 euro, e relative ad unità immobiliari non ad uso abitativo.
Per quanto riguarda gli Ingegneri, le società di ingegneri potranno assumere commesse da privati superando una disciplina che risale agli anni '40.

Infine, per le Farmacie viene eliminato il limite di titolarità di 4 licenze in capo ad un unico soggetto e viene consentito l'ingresso di soci di capitale.

Il Ddl Concorrenza, varato dal Cdm, ora passerà in Parlamento, per l'approvazione o la modifica.