Dalle Alpi al Mare, i parchi naturali tra Italia e Francia

0
CONDIVIDI
L'incontro Dalle Alpi al Mare
L'incontro Dalle Alpi al Mare
L’incontro Dalle Alpi al Mare

GENOVA. 8 AGO. Una serata alla scoperta del territorio che interessa Piemonte e Liguria per sconfinare nella repubblica transalpina, proposta il 6 agosto scorso presso il Campeggio Valle Gesso di Entracque e realizzata dalla guida ambientale Roberto Pockaj.

Un percorso di trekking lungo circa duecentocinquanta chilometri, per un totale di sedici tappe che conducono gli escursionisti attraverso i molteplici panorami dei vari parchi naturali.

Il cammino inizia a Sant’Anna di Valdieri e termina a Mentone, e che permette di scoprire le differenze geomorfologiche di un territorio che svela sorprese ad ogni passo, tra quattro importantissime aree di tutela quali appunto il Parco Regionale delle Alpi Marittime, il Parco Regionale del Marguareis, il Parco Regionale delle Alpi Liguri e sul versante francese il Parc National du Mercantour.

 

L’idea è nata dalla sinergia sorta dall’associazione “Ecoturismo in Marittime” che raggruppa tutti gli operatori turistici del territorio appunto delle Alpi che osservano il mare ed il parco regionale delle stesse che ha la propria sede a Valdieri. Da qui la proposta di un percorso che abbia come obbiettivo la scoperta della biodiversità, le molteplicità geologiche di queste zone e la tutela del territorio come risorsa.

Questi sono stati i valori principali che hanno mosso gli ideatori del trekking, pensato da amanti dell’escurionismo e confezionato per escursionisti, lontano da ogni interesse di parte ma realizzato con vero spirito ambientale e naturalistico. Un percorso affascinante, che racchiude in centinaia di chilometri tutti gli ambienti presenti sulle alpi italiane, creando una sorta di miniatura assolutamente completa. Flora e fauna, tra cui sono annoverate alcune specie rare, sia tra gli animali che dal punto di vista botanico, completano il quadro di particolarità del percorso.

Il cammino è stato illustrato nella pubblicazione dal titolo “ Dalle Alpi al mare ”, realizzata dallo stesso Pockaj, ed edito da “Il capricorno”: “…qui le Alpi si tuffano a picco nel Mar Ligure, con picchi che superano i 3000 metri, laghi glaciali, valli incassate tra altissime guglie metamorfiche, una delle zone carsiche più importanti delle Alpi, paesaggi lunari di rocce bianchissime alternati a distese di pascoli e impressionanti pareti calcaree verticali. Un incredibile caleidoscopio di paesaggi, habitat, climi, rocce, uno scrigno di biodiversità unico al mondo, dove convivono specie vegetali mediterranee e alpine, e dove stambecchi e camosci pascolano godendosi il mare all’orizzonte”, recita testualmente la presentazione dell’opera. La particolarità di queste zone ha fatto si che l’intero territorio abbia avanzato la propria candidatura quale ambiente Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Un riconoscimento importante per un luogo che racchiude in un spazio limitato caratteristiche davvero uniche e che il trekking permette di scoprire.

“Un percorso che non deve essere per forza fatto totalmente”, spiega Pockaj, “ma che può essere suddiviso in tanti piccoli tratti da gustare al meglio secondo il tempo disponibile e la preparazione del singolo escursionista. Un percorso semplice, adatto a tutti, in quanto si tratta di puro escursionismo e non alpinismo, con la garanzia che anche un breve tratto sui sentieri saprà stupire qualunque visitatore”. Una serata che ha raccolto un pubblico variegato, proveniente da varie zone d’Italia ed anche dall’estero che ha potuto stupirsi ed incuriosirsi nel vedere le immagini proposte dalla guida creando il desiderio di provare di persona i sentieri suggeriti.

Roberto Polleri

LASCIA UN COMMENTO