Home Cultura Cultura Genova

Da lunedì prossimo Boom! Intolerance Summer Arena

0
CONDIVIDI
Da lunedì prossimo Boom! Intolerance Summer Arena

GENOVA. 28 GIU. I lunedì cinematografici del Teatro Altrove da lunedì 3 luglio traslocano al chiostro della Casa della Maddalena. E così per rivedere alcuni capolavori del maestro del cinema italiano Dino Risi nel formato in cui furono pensati e realizzati, torna Intolerance – la formula attraverso cui l’associazione Laboratorio Probabile Bellamy propone da quattro anni al Teatro Altrove grandi film in analogico.

Boom! Intolerance Summer Arena propone quattro film in pellicola, per quattro lunedì di fila, per ripercorrere insieme la storia di uno dei padri della commedia all’italiana. La manifestazione è autofinanziata e l’associazione Bellamy ha pensato di renderla sostenibile creando una sinergia con gli esercenti del quartiere.

Lunedì prossimo si parte con Una vita difficile (1961), una delle più riuscite e memorabili interpretazioni di Alberto Sordi che veste i panni di Silvio Magnozzi, giornalista ex partigiano e soprattutto uomo di solidi ideali. Il film ripercorre i fatti che vanno dalla Resistenza al boom economico attraverso la vita di un uomo frustrato dalle condizioni in cui è costretto a vivere, ma che non sa scendere a compromessi e per questo è condannato alla solitudine.


Si prosegue il 10 luglio con il capolavoro dei capolavori, Il sorpasso,(1962 il viaggio cinematografico e antropologico che Risi compie attraverso l’Italia del boom economico e del miraggio del benessere, delle vacanze e delle soste agli autogrill, dei clacson e delle auto come status symbol, dei risparmi per la macchina e per le ferie, l’Italia dei Bruno Cortona e dei Roberto Mariani – interpretati rispettivamente da Vittorio Gassman e Jean-Louis Trintignant.

Il 17 luglio tocca a In nome del popolo italiano (1971), ritratto antropologico dell’italiano medio che Risi compie con estrema lucidità. Aiutato dalla perfetta sceneggiatura di Age e Scarpelli e dalle straordinarie interpretazioni di Vittorio Gassman e Ugo Tognazzi, i protagonisti rappresentano il crollo socioculturale dell’Italia di inizio anni 70, dilaniata tra istanze rivoluzionarie e reflusso conservatore.

Il 24 luglio si chiude con Profumo di donna (1974), che vede ancora una volta protagonista Gassman stavolta nelle vesti di un ex capitano dell’esercito reso non vedente da un esplosione e per questo mandato in congedo: un personaggio irriverente, incattivito dalla triste sorte toccatagli,  cinico e sprezzante nei confronti del giovane militare di leva che lo accompagna in viaggio, ma che nasconde una tristissima fragilità di fondo.

Proiettori accesi alle 21.45, ingresso ad offerta libera.

f.c.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here