da Garlenda a Salsomaggiore per beneficenza

0
CONDIVIDI
Don  Mauro Marchiano
Don Mauro Marchiano

SAVONA. 3 GIUG. Ci sarà anche il parroco di Garlenda Don Mauro Marchiano fra gli artisti liguri che parteciperanno domani a Salsomaggiore Terme all’ asta benefica per la realizzazione di una opera d’arte di grande rilievo: una pagoda.

Dalla Liguria oltre a Don Marchiano, che è un noto artista informale, ci saranno altri due artisti liguri: Patrizia Canepa e Walter Graneri. 108 opere fra dipinti, sculture e fotografie si trasformeranno in mattoni per diventare monumento. Il monastero Zen di Fudenji ha infatti lanciato una colletta che si realizza attraverso uno scambio di arte per arte: dall’ asta di beneficenza sorgerà infatti la Pagoda di Fudenji un centro simbolo del dialogo tra culture e religioni.

“ Si tratta- spiegano gli organizzatori- di un progetto di crowd-art-funding destinato a costruire un monumento spirituale. Il monastero Zen Sōtō Shōbōzan Fudenji di Salsomaggiore ha lanciato una call to action agli artisti e collezionisti di tutta Italia. Le opere, messe all’asta-  online e fisicamente – serviranno a fornire i fondi per la pagoda del centro spirituale simbolo dell’incontro tra culture e religioni”.

 

All’ appello hanno risposto 42 gli artisti provenienti da tutta Italia: tra loro, Lorenzo Puglisi, Karmen Corak, Pino Dal Gal e Maurizio Zaccardi. In totale saranno in vendita 108 opere nell’ asta che si aprirà domani alle ore 16 a Palazzo Barzieri. La battitura d’asta sarà preceduta dall’esibizione dei Fuden Taiko: i tamburi rituali. A battere l’asta sarà il noto curatore d’arte Federico Mazzonelli.

Nato nel 1984, dalle mani di una piccola comunità, Fudenji è un monastero  che vede periodicamente dibattiti con  Vescovi, filosofi, esperti d’arte, pensatori e contro-pensatori. “ Anche il numero delle opere- concludono gli organizzatori- 108, è una coincidenza, casuale ma stupefacente, che parla di culture che si specchiano l’una nell’altra: 108 sono infatti i grani del rosario indiano e le giovani con le quali balla il dio Indù Krishna; 108 i passi della danza cosmica di Shiva Nataraja, le stelle sacre dell’astrologia cinese e i punti cuciti su una palla da baseball. 108 le tentazioni terrene e i colpi che le bandiscono nel passaggio dal vecchio al nuovo anno in Giappone e i pretendenti che assediavano Penelope nell’Itaca della classicità”.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO