Home Politica Politica Genova

Crivello: legalizzare cannabis. Bucci: sei stupefacente, mie priorità lavoro e sicurezza

72
CONDIVIDI
Ballottaggio Crivello Bucci domenica 25

GENOVA. 19 GIU. “Credo che la canapa possa diventare una risorsa per Genova e la Liguria come lo è stata nel secolo scorso quando era utilizzata per realizzare corde, vele, tovaglie.  Incentivare l’uso terapeutico della cannabis e la produzione della canapa industriale deve essere un impegno di tutte le istituzioni e oggi sono all’incontro di Legacoop per ribadirlo.

Genova si è già schierata come consiglio comunale nel 2015 a favore della legalizzazione della cannabis, contro le narcomafie. La nostra coalizione progressista intende dire, sulle orme di Don Gallo, che Genova è antiproibizionista”.

Lo ha dichiarato oggi su Facebook il candidato del centrosinistra ed assessore comunale Gianni Crivello, a seguito della partecipazione di oggi al convegno organizzato sul tema della cannabis da LegaCoop.


Alle dichiarazioni di Crivello ha prontamente replicato il candidato sindaco del centrodestra, Marco Bucci: “Rilanciamo Genova legalizzando la Cannabis. È questa l’ultima strabiliante proposta del candidato-assessore Crivello.

Le priorità per la città dunque non sono occupazione, sicurezza, pulizia e decoro. Le ricette per la crescita non sono sviluppo del porto, investimenti sulla ricerca, costruzione di infrastrutture, consolidamento del tessuto industriale, politiche per il turismo.

No! La priorità è legalizzare la cannabis. D’altra parte, come ricorda l’assessore-candidato, questa era la linea della maggioranza Doria&Crivello che ha governato gli ultimi cinque anni. Davvero… stupefacente!!! Un nuovo motivo per cambiare. E le Genovesi e i Genovesi lo faranno con il voto di domenica prossima”.

Nella querelle sui social oggi pomeriggio è intervenuto anche il capogruppo regionale di FdI Matteo Rosso: “Quando vedo a chi si ispira orgoglioso il candidato Sindaco PD Crivello ho sempre più chiaro che LOTTERÒ FINO ALL’ULTIMO SECONDO PER CONQUISTARE ANCHE UN SOLO VOTO pur di non lasciare GENOVA nelle sue mani”.

 

72 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here