Home Economia Economia Imperia

Crimea, sanzioni UE e rapporti economici con la Russia: per la Liguria danno da 173 milioni annui

0
CONDIVIDI
Bruzzone, Rixi, Piana, Baykov e il Console della Federazione Russa Anna Bulatova

IMPERIA. 18 MAG. Crimea, sanzioni UE e rapporti economici Russia-Liguria. Alessandro Piana (Lega) denuncia: “danno da 173 milioni di euro all’anno per la nostra regione”.

“Rapporti bilaterali Italia-Russia e future sfide di governo della Lega Nord”. E’ il tema del convegno politico-economico che si è svolto stamane presso la sala della Camera di Commercio ad Imperia. Presenti, oltre a politici, professionisti ed imprenditori locali, anche ilConsole del Consolato Generale della Federazione Russa a Genova, Anna Bulatova, il padre della storica Chiesa ortodossa di Sanremo, Denis Baykov, il segretario provinciale della Lega Nord Liguria, Giulio Ambrosini.

“Il mercato russo – ha spiegato l’assessore regionale allo Sviluppo economico Edordo Rixi – è molto interessante. Soprattutto per i nostri agricoltori e per tutti i produttori del settore agroalimentare, che oggi si vedono preclusi quel mercato che invece ha un interesse enorme per la Liguria e in particolare per la provincia di Imperia. C’é anche il problema del turismo. Ad esempio, ai residenti in Crimea non viene data la possibilità di venire a fare i turisti in Italia. Abbiamo quindi una parte della popolazione russa che non può venire qui e questo ci sta ostacolando perché questi flussi turistici vanno a finire in altri Paesi”.


“Occorre rinsaldare i rapporti con la Russia e la Crimea – ha aggiunto il capogruppo regionale del Carroccio Alessandro Piana – dove c’è pace, non c’è presenza di militari nelle città e la popolazione è felice perché ha votato democraticamente un referendum. Ho potuto constatare di persona che la situazione, a differenza di quanto descritto dai media di regime, è tranquilla e serena. Ora  gli imprenditori hanno tutte le intenzioni di intraprendere nuovi rapporti economici con l’estero, in particolare con la nostra regione. Non bisogna farci sfuggire questa grande opportunità. Assurdo, quindi, mantenere le sanzioni volute dalla UE. Anche perché hanno provocato un danno economico per l’export italiano, che è stato quantificato dagli esperti in circa 3.6 miliardi di euro. Per la Liguria siamo intorno ai 173 milioni di euro all’anno e solo per la provincia di Genova 70 milioni. Più che un incidente politico, si tratta di un dramma per le nostre aziende e lavoratori”.

“La scelta politica fatta dalla maggioranza che governa la Regione Liguria – ha ricordato il presidente del Consiglio regionale Francesco Bruzzone –  è stata quella di avere approvato una mozione affinché, in sostanza, venga abbattuto questo muro eretto dall’Europa nei confronti della Russia, in particolare per il traffico delle merci e dei flussi turistici come per il caso della Crimea. Il dato preminente è quello dei rapporti economici. La Russia, per quanto riguarda le attività produttive dell’Italia e della Liguria, è un interlocutore molto importante che non può essere lasciato fuori dal nostro mercato. Stiamo attraversando un periodo storico dove, a metterci mano, è stata l’Europa ed ha creato dei problemi. Da una parte e dall’altra. E’ grave che le aziende italiane e liguri, con i loro lavoratori, abbiano risentito moltissimo di queste scelte”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here