Home Cultura Cultura Genova

COSTA PARTNER MOSTRA DI EDVARD MUNCH DI PALAZZO DUCALE

0
CONDIVIDI
costa crociere

costa crociereGENOVA. 5 NOV. Costa Crociere conferma ancora una volta il proprio impegno nella promozione del patrimonio artistico-culturale attraverso il sostegno alla mostra di Edvard Munch, in programma dal 6 novembre 2013 al 27 aprile 2014 presso il Palazzo Ducale di Genova, città dove ha sede la compagnia di crociere.

Il supporto alla rassegna di Edvard Munch – di cui Costa Crociere è Main Sponsor – riflette lo spirito e i valori che contraddistinguono la compagnia e la sua volontà di sostenere i progetti culturali più importanti della città. Costa Crociere è un grande collezionista d’arte, che da 65 anni viaggia nei mari del mondo offrendo non solo relax, ospitalità e intrattenimento, ma anche arte e cultura, sia a bordo che a terra. Infatti, la mostra sarà promossa anche sulle navi Costa che faranno scalo a Savona nello stesso periodo e inserita nelle escursioni organizzate a Genova e proposte agli Ospiti.

Il legame tra Costa Crociere, l’arte, la cultura e la città di Genova non si conclude qui. Sino al 31 marzo 2014, in contemporanea alla mostra sul grande artista norvegese, il Palazzo Ducale di Genova ospiterà l’esposizione di 46 spettacolari fotografie scattate in Norvegia da 8 foto-blogger internazionali durante il “Costa Photo Blog Tour”, tenutosi nel luglio 2013 durante una crociera di Costa Luminosa nei fiordi norvegesi con la collaborazione di “Visit Norway”, ente del turismo norvegese.


L’esposizione, intitolata “Le ragioni di un viaggio” e curata dall’Istituto Italiano di Fotografia, ha un approccio “narrativo”, ed è accompagnata dalle citazioni dei fotografi, che contribuiscono a ricostruire la storia della loro esperienza in Norvegia con Costa. La raccolta di foto scattate durante l’itinerario dei fiordi norvegesi è anche visibile su Instagram seguendo #CostaPhotoBlogTour o @Costacruisesofficial. I visitatori di “Le ragioni di un viaggio” potranno partecipare a un concorso che mette in palio 3 crociere Costa in Nord Europa e 5 workshop dell’Istituto Italiano di Fotografia.

Il progetto artistico della nuova ammiraglia Costa Diadema, in costruzione a Marghera con consegna prevista a ottobre 2014, curato da casagrande&recalcati, affronta il tema della regalità, definendo come questo concetto di origini antiche possa rispecchiare un sentire contemporaneo.
Gli artisti invitati, attraverso il proprio linguaggio e la propria sensibilità, esploreranno il tema nel suo svolgersi dal simbolico all’astratto, dal particolare all’universale, instaurando un inedito dialogo con gli ambienti della nave.

Le navi Costa si delineano come veri e propri luoghi d’arte, in perenne movimento. Dal dopoguerra a oggi, le navi appartenute alla flotta Costa hanno rappresentato oltre all’eccellenza del settore navale, anche una viva testimonianza delle tendenze architettoniche e artistiche italiane e internazionali. Ogni nave Costa è una vera e propria esposizione permanente di collezioni artistiche contemporanee al periodo di realizzazione, e in alcune navi si possono ammirare anche collezioni di piccolo antiquariato.

A partire dal 2000 l’interior design delle nuove navi Costa è ideato dall’architetto Joseph Farcus, che per primo ha proposto un’innovativa filosofia di progettazione e gestione degli spazi e degli oggetti, concepita per catapultare l’ospite in un mondo fantastico, da sogno: il design e l’arte diventano linguaggi per trasformare sensazioni ed esperienze quotidiane.

A bordo delle 14 navi della flotta Costa Crociere, sono installate un totale di circa 4.500 opere d’arte originali e 60.000 multipli, visibili ad oltre un milione di persone l’anno in vacanza con la compagnia italiana. Si possono ammirare opere di artisti quali Emilio Tadini, Milo Manara, Emanuele Luzzati, Aldo Spoldi, Omar Galliani, Roberto Sambonet, Bruno Lucchi, Arman, Fernando Botero, Arnaldo Pomodoro, Mimmo Paladino, Mario Donizetti, protagonisti dell’evoluzione del contemporaneo nei più diversi medium espressivi, dalla pittura alla fotografia, dalla scultura all’installazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here