Corteo Iren da Tursi a De Ferrari

0
CONDIVIDI
Sciopero e manifestazione dei lavoratori Iren oggi pomeriggio a Molassana
iren-rsu-presidio-gavette
Protesta lavoratori appalti  gruppo Iren

GENOVA. 20 NOV. Cordone di polizia affronta lavoratori Iren a De Ferrari. Un corteo di un centinaio di operai appalti Iren si è mosso stamane da Tursi al cuore del centro città, dopo aver dormito nel palazzo del Comune. I sindacati, che non sono stati ancora ricevuti dal sindaco Doria, vogliono salvare i posti di lavoro di 19 dipendenti delle aziende appaltatrici genovesi.

Il corteo con striscioni e slogan è stato bloccato all’inizio di piazza De Ferrari. A pochi passi al Ducale c’è il convegno di Confindustria, dove è atteso il ministro ai Trasporti Graziano Delrio. Poco più avanti, nel palazzo della Regione, c’è il governatore lombardo Maroni, giunto a Genova per incontrare la vicepresidente Viale ed inaugurare il primo meeting della commissione bilaterale sulla sanità.

Sul tema, stamane è intervenuto il capogruppo regionale M5S Alice Salvatore: “Cosa succede al Pd? Abbandonato a maggio dagli elettori, poi dai suoi stessi membri di partito. E ora per la prima volta nella storia – a memoria nostra – la CGIL si schiera apertamente contro il Partito Democratico. Lo fa con un comunicato durissimo contro quella che definisce una strategia per “massimizzare i profitti esasperando la politica del massimo ribasso, dando calci nella schiena ai lavoratori che operano nel comparto da oltre 20 anni”. Il riferimento è ovviamente agli operai edili di Iren che da quattro giorni scioperano per avere dal sindaco Doria risposte concrete sul proprio lavoro e sul proprio futuro: dopo che il sindaco ha firmato per iscritto una clausola sociale con i lavoratori, per tutelare come Comune di Genova la loro occupazione! Risposte che, ad oggi, non sono ancora arrivate”.

LASCIA UN COMMENTO