Corteo 1° maggio amaro in via Venti, Camusso: Renzi non aiuta lavoratori

1
CONDIVIDI
La festa nazionale del Primo maggio quest'anno si è svolta a Genova: festa per pochi beati
La festa nazionale del Primo maggio quest'anno si svolge a Genova: raduno in piazza della Vittoria, corteo in via Venti e comizi in piazza De Ferrari
La festa nazionale del Primo maggio quest’anno si svolge a Genova: raduno in piazza della Vittoria, corteo in via Venti e comizi in piazza De Ferrari

GENOVA. 1 MAG. “Più valore al lavoro” che non c’è. Chi ce l’ha, ha paura di perderlo e chi vorrebbe andare in pensione per lasciare spazio ai giovani, che sono costretti ad emigrare all’estero,  non può farlo. Abbiamo perso “un milione e 600mila posti di lavoro”.

Primo maggio amaro a Genova, dove alle 10,30 è partito il corteo nazionale per la Festa dei lavoratori, che quest’anno ha visto la partecipazione di tanti disoccupati. In piazza della Vittoria si sono riuniti i sindacati Cgil, Cisl e Uil, con i segretari generali Susanna Camusso, Anna Maria Furlan e Carmelo Barbagallo.

Il corteo dimigliaia di persone raggiungerà il Ponte Monumentale, dove sarà deposta una corona di fiori ai caduti. Poi, a mezzogiorno, piazza De Ferrari, dove è in programma la diretta su Rai 3. In piazza, invitati anche quelli di Lotta Comunista.

 

Furlan: “Per gli italiani oggi il tema centrale è il lavoro. Il governo Renzi si occupi di questo. Occorre dare speranza ai giovani”.

Camusso: “Renzi non aiuta i lavoratori. La disoccupazione è l’emergenza nazionale, ma viene sottovalutata”.

Barbagallo: “Non è vero che l’Italia riparte, il Paese è fermo in stazione. Quando non c’è la risposta, allora scatta la protesta”.

1 COMMENTO

  1. ….la Camusso perché non ha ripetuto anche” bisogna dare un lavoro agli immigrati e ai profughi”? I sindacati sono morti 30 anni fa ,ora sono solo delle cacche al servizio della politica soprattutto Cgil….sono anni che non organizzano scioperi generali…tanto la Camusso gira con il Rolex al polso e la borsa da 1500€!

LASCIA UN COMMENTO