Corso Quadrio, M5S come la Lega: Salvatore tira le orecchie a Putti

3
CONDIVIDI
Una scena quotidiana nel mercatino illegale di corso Quadrio, istituito dalla giunta Doria e costato finora ai genovesi 42mila euro
Una scena quotidiana nel mercatino illegale di corso Quadrio, istituito dalla giunta Doria e costato finora ai genovesi 42mila euro
Una scena quotidiana nel mercatino illegale di corso Quadrio, istituito dalla giunta Doria e costato finora ai genovesi 42mila euro

GENOVA. 23 APR. Insicurezza e degrado. “Ruspa, ruspa per il mercatino illegale di corso Quadrio” invocano i residenti dei caruggi e il M5S si schiera con la Lega Nord, attacca il sindaco Doria e tira le orecchie ai suoi stessi rappresentanti a Tursi capitanati da Paolo Putti.

“Il progetto Chance è un progetto assurdo messo su dal sindaco Doria per permettere a questo mercatino abusivo di essere tollerato dall’amministrazione pubblica come se abusivo non lo fosse. Quindi, anziché trovare delle soluzioni idonee, lo hanno semplicemente spostato da un punto all’altro mantenendo assolutamente intatto il disagio nel tessuto urbano.

Non rilevo che il ruolo dei consiglieri M5S in Comune sia stato così protagonista nel favorire il progetto: c’è stata una proposta da parte del sindaco Doria e non è stata fatta opposizione da parte del M5S. Effettivamente noi andremo a tirare le orecchie ai nostri consiglieri comunali perché questa situazione non è accettabile. Non vogliamo che il mercatino sia tollerato perché significa avallare l’illegalità”.

 

Oggi pomeriggio la pupilla genovese di Beppe Grillo e miss preferenze 2015 Alice Salvatore, ha risposto così ai cittadini del centro storico e all’intervento di Antonio Olivieri, rappresentante dell’associazione locale Assest, che ha aggiunto: “Finora il progetto del mercatino illegale di corso Quadrio è costato 42mila euro ai genovesi. La Regione ha approvato la nuova legge contro l’abusivismo commerciale, ma Tursi non la applica”.

I pentastellati hanno allestito alcuni gazebo nei caruggi, tra cui un piccolo palco tra piazza Raibetta e via San Lorenzo, dove oltre a Salvatore sono rimasti a disposizione dei residenti il senatore Nicola Morra e l’altro consigliere regionale, Marco De Ferrari.

 

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO