Cornigliano, 20enne picchiata dai rom per costringerla a prostituirsi

24
CONDIVIDI
Il controllo della polizia nel campo rom di Cornigliano
Il controllo della polizia nel campo rom di Cornigliano
Un controllo della polizia nel campo rom di Cornigliano

GENOVA. 9 APR. Tre romeni sono stati denunciati dagli investigatori del commissariato di Cornigliano per sequestro di persona e induzione alla prostituzione di una loro connazionale. Uno degli immigrati denunciati è accusato anche di violenza sessuale e lesioni aggravate.

La banda di nullafacenti, l’altra notte ha bloccato la 20enne, abitante a Savona, nei pressi del campo nomadi di via Muratori a Genova, dove si era recata per incontrare una sua cognata.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, uno dei tre l’ha palpeggiata nelle parti intime e ha tentato di stuprarla, mentre gli altri due l’hanno picchiata e spinta sul sedile posteriore di una vettura. Il fine della violenza era quello di mettere paura e costringere la ragazza a prostituirsi per le vie a luci rosse fra Sampierdarena e Cornigliano.

 

L’incubo è durato quasi un’ora, ma la giovane ha rifiutato con fermezza di prostituirsi ed è stata liberata. In stato di choc e ferita, si è rivolta ai poliziotti che le hanno prestato i primi soccorsi e hanno individuato i responsabili.

24 COMMENTI

  1. Sono purtroppo arrivato al punto che non me ne frega una beata mazza fino a che non mi pestano i piedi. Uno dei motivi è che reputo i media una delle rovine di questo terzo mondo che è l’Italia

  2. Ma si può andare avanti così? ma chi di dovere non può fare qualcosa siamo stufi mandateli a casa loro a calci in …… non li vogliamo se non lavorano non devono stare qui se ne devono tornare al loro paese E poi vediamo se la possono fare quello che fanno qua

LASCIA UN COMMENTO