Coppa Italia: Spezia-Alessandria 1-2, Incubo Aquilotto, Grigi in Paradiso

0
CONDIVIDI
Il giocatore dello Spezia Emanuele Calaiò
Il giocatore dello Spezia Emanuele Calaiò
Il giocatore dello Spezia Emanuele Calaiò

LA SPEZIA 18 GEN. Si è fatta la storia allo stadio Alberto Picco di Là Spezia dove Spezia ed Alessandria si sono giocate la semifinale di Coppa Italia contro il Milan.

Al termine dei novanta minuti e’ l’Alessandria a gioire e ad essere la prima squadra di Lega Pro ad arrivare così avanti nella competizione nazionale. Per lo Spezia sogno che s’infrange e fischi copiosi.

Eppure la sfida si era messa bene con lo Spezia subito in vantaggio al ’20 su calcio di rigore trasformato da Emanuele Calaio. Ma l’Alessandria si è mostrata più in palla nonostante lo svantaggio e ha cominciato a macinare gioco. Solo ad inizio ripresa c è stata una reazione bianca con un paio di occasioni tra cui il miracoloso di Vannucchi che nega la rete a Calaio.

 

Entra Boccalon, l’eroe di Marassi, che è nel destino di questa competizione: all’83 gela il Picco battendo Chichizola per l’1-1 mentre all’89 il colpo di testa manda in paradiso l’Alessandria.

E quando Tagliavenro fischia i tifosi bianchi fischiano a loro volta la squadra aquilotta rea di aver buttato via un’occasione più unica che rara.

Il miracolo Alessandria continua.

fc

LASCIA UN COMMENTO