Cooperativa Il Faggio, approvato il piano, ma con grossi sacrifici

0
CONDIVIDI
mattia_rossi_legacoop
Mattia Rossi

SAVONA. 12 GEN. L’Assemblea della cooperativa Il Faggio ha approvato il piano industriale triennale a larga maggioranza. Stop ai contratti a tempo, decurtazione per i soci.

Sarà Mattia Rossi, coordinatore di Legacoop Liguria a Savona, ad avere il ruolo fondamentale di coordinare le diverse fasi del piano e controllarne la realizzazione.
Molte le decisioni prese durante l’assemblea di ieri, lunedì 12 gennaio, a Imperia  con 528 i soci presenti  ( 344 + 184 deleghe) de Il Faggio. Il piano è passato con  401 voti favorevoli, 79 hanno votato no, 48 gli astenuti.
Nel dettaglio, il piano triennale prevede una ricapitalizzazione di  1.350.000 di euro con quote per ciascun socio che vanno da 1000 a 5.000 euro a seconda della retribuzione. Ogni socio sottoscriverà questa ricapitalizzazione con una rata mensile, sempre a seconda del reddito, in 36 mesi.
Sugli stipendi ci sarà invece una  decurtazione mensile del 3,87% per tre anni anche se  questa è una soluzione  che  potrebbe essere rivedibile se la situazione finanziaria presentasse significativi miglioramenti.
Dal punto di vista dei posti di lavoro il piano incide solo sui 44 contratti a tempo determinato che non saranno  rinnovati nel corso del 2016. In primo piano anche la  riorganizzazione dei servizi per renderli più redditizi.
L’attuale Consiglio di Amministrazione rimarrà in carica fino alla primavera del 2016.
“Un’assemblea che ha dimostrato il grande senso di responsabilità dei lavoratori del Faggio – sottolineano i vertici di Legacoop Liguria, tutti presenti in questo momento fondamentale per la vita della cooperativa – Nei prossimi mesi daremo ulteriormente il nostro apporto per dare consistenza e forza alla ripresa di questa importante cooperativa  che dà lavoro a più di 800 persone. Mattia Rossi, coordinatore di Legacoop Liguria a Savona, avrà il ruolo fondamentale di coordinare le diverse fasi del piano e controllarne la realizzazione ”.
Un incoraggiamento, a fine assemblea, è arrivato anche da Gianluigi Granero, presidente di LegaCooop Liguria.
“Un grazie ai soci che seppur tra sofferenze, per le scelte complicate, impegnative e dolorose che dovevano assumere, hanno deciso (con non poco sacrificio) di proseguire la loro bellissima storia d’impegno sociale. La democrazia è complicata, difficile non priva di errori, ma la prova data oggi dai soci è straordinaria! Una grazie a tutti anche ai più critici e, consentitemelo, soprattutto ad Ilaria! Ed ora al lavoro perché è solo l’inizio!”.

LASCIA UN COMMENTO