Convegno sui vent’anni di scuole dello sport in Liguria

0
CONDIVIDI

CONI_sds2015_presentazione_03122015GENOVA. 3 DIC. Il Coni Liguria celebra i primi 20 anni di vita della sua Scuola dello Sport. Nasce infatti nel 1995, prima in Italia assieme a Sicilia, Toscana, Lombardia e Friuli Venezia Giulia, come contesto culturale di sintesi, raccordo e armonizzazione delle molteplici esperienze, risorse e professionalità tecniche esistenti sul territorio regionale.

La Scuola dello Sport del Coni Liguria festeggia questo speciale compleanno attraverso il convegno “I giovani e la pratica sportiva: motivazioni, opportunità e criticità nello scenario di oggi” in programma nell’Auditorium dell’Acquario di Genova sabato e domenica prossimi e presentato questa mattina alla Casa delle Federazioni con testimonial il velista Giulio Desiderato. Il convegno sarà aperto, sabato pomeriggio alle 14:30, dall’amministratore delegato della Coni Servizi Alberto Miglietta e dal presidente del Coni Liguria Vittorio Ottonello. “In Liguria festeggiamo i primi 20 anni di questa importante realtà che per me rappresenta un laboratorio di idee e progetti – spiega Ottonello – Siamo stati tra i primi a livello nazionale grazie alla lungimiranza del presidente di allora, Lorenzo Podestà, e i suoi collaboratori. A noi il compito di continuare la tradizione cercando di essere sempre più presenti sul territorio con proposte formative che contribuiscano a mantenere nello sport ligure sempre viva l’attenzione agli aspetti tecnico-scientifici nel pieno rispetto delle prioritarie esigenze di tipo socio-pedagogico”. 

Sarà poi il direttore scientifico Claudio Scotton a passare in rassegna i momenti più significativi dei primi 20 anni della Scuola Regionale dello Sport. Il tema dell’allenamento giovanile sarà sviluppato da Antonio Urso (presidente Federazione Italiana Pesistica). Laura Perrotta, responsabile del Centro Studi e Osservatori Statistici per lo Sport del Coni, fornirà poi importanti dati relativi al rapporto tra giovani e sport. Rossana Ciuffetti, direttore della Scuola Nazionale dello Sport, aprirà il capitolo della Formazione mentre la dirigente dell’Area Territorio e Promozione dello Sport del Coni Cecilia D’Angelopresenterà nuovi Centri di Orientamento e Avviamento allo Sport.

 

Ospite d’onore, è Horst Wein, “ispiratore” della Cantera del Barcellona, ritenuto il mentore più importante del mondo degli allenatori di calcio. Wein è docente e collaboratore del “Centro di studio, sviluppo e analisi” della Reale Federazione Spagnola. Assieme a lui, Marcello Nardini, presidente Horst Wein Association Italia, che analizzerà una metodologia di successo in Italia. “Sport Sociale e Scuola” al centro della riflessione di Teresa Zompetti.

Due esperienze di settori giovanili, nella Vela e nella Pallavolo, saranno evidenziate da Luisa Franza (presidente I-Zona FIV) e Rodolfo Giovenzana(presidente onorario Scuola Pallavolo Anderlini). Michelangelo Dell’Edera, direttore dell’Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”, approfondirà il funzionamento del settore tecnico del Tennis. Domenica 6 dicembre, alle 9:15, ci sarà l’apertura del segretario generale del Coni Roberto Fabbricini e poi, si partirà con le linee programmatiche del progetto pilota AmiConi, tracciate da Mauro Tirinnanzi, membro di giunta del Coni Liguria. Allenamento e insegnamento giovanile sotto la lente di ingrandimento di Antonio La Torre (Università Studi di Milano) e Claudio Mantovani (docente Scuola Nazionale dello Sport).

Nei 20 anni di vita della Scuola dello Sport, diversi sono gli attori e le iniziative svolte nei vari ciclo. Tra il 1995 e il 2008, sotto le presidenze Podestà e Cucchia, il direttore è il MdS Gianni Lastrico, con il supporto del coordinatore regionale CAS Salvatore Finocchiaro. L’attenzione va all’attività di aggiornamento per i Comitati delle Federazioni Sportive Nazionali e allo sviluppo di ricerche e pubblicazioni con diversi gruppi di lavoro. Dal 2009, con l’elezione del professor Vittorio Ottonello alla guida del Coni Liguria, la Scuola Regionale dello Sport è diretta da Claudio Scotton. I principali collaboratori sono Giovanni Abbruzzese, Carlo Andriani, Gianni Besio, Marco Bove, Cristina Caprile, Angelo Gadina, Augusto Franchetti Rosada, Davide Maestri, Antonio Micillo, Luigi Molfetta, Severino Savarese, Mauro Tirinnanzi, Attilio Traverso, Marco Valente, Roberto Valle e Mirella Zanobini. Nel corso di questi sette anni, sono oltre 500 gli eventi organizzati nelle quattro province liguri con 1200 presenze circa 8.000 presenze, 120 relatori e 210 prodotti didattici e di ricerca pubblicati sul portale del Coni Liguria.  Attenzione, nel campo della Formazione a seminari e corsi nell’ambito teorico-metodologico dell’allenamento, socio-psico-pedagogico, bio-medico, economico-giuridico-fiscale.

Tra le ultime importanti iniziative della Scuola dello Sport del Coni Liguria, c’è anche “AmiConi”, il progetto sperimentale rivolto ai tecnici dell’attività giovanile, esteso ai dirigenti, ai docenti dell’Organico Didattico della SRdS, ai genitori e agli studenti del Corso di Laurea in Scienze Motorie. La fascia d’età degli atleti interessati dal Progetto è dai 5 ai 12 anni, la più delicata dal punto di vista formativo-educativo. Ideatore e responsabile, nonché coordinatore del gruppo di studio nazionale, è il MdS Mauro Tirinnanzi. Dodici Società, sei a Genova e sei a Savona, hanno immediatamente aderito formando un affiatato gruppo di lavoro: il CUS Genova Atletica, il Circolo della Spada Liguria, la Scuola Tennis Giorgio Messina, la Nuova Oregina (Calcio), il MiniBasket Uisp Rivarolo, le Province dell’Ovest (Rugby), l’Atletica Varazze, il Circolo Scherma Savona, il TC Finale Ligure, il Vado FC 1913, il Centro Minibasket Le Torri Albenga e l’ITIS Ferraris Rugby Savona.

“Venti anni di successi e di competenza al servizio dello sport” scrive in una nota di saluto il presidente del Coni Giovanni Malagò. “La sapiente regia del Comitato Regionale, presieduto da Vittorio Ottonello, coniugata alla passione e alle qualità di tutta la struttura didattica, coordinata da Claudio Scotton, soddisfano una responsabilità morale nei confronti di chi ama lo sport e di chi di avvicina alla nostra realtà per perseguire una finalità che sappia alimentare la tradizione”. Per l’amministratore delegato della Coni Servizi, Alberto Miglietta,“i 20 anni della Scuola dello Sport ligure rappresentano la garanzia di un’azione capillare portata avanti con qualità e perseveranza nell’ambito della ricerca applicata allo sport”. Rossana Ciuffetti, direttore della Scuola dello Sport, sottolinea che “la Liguria è un laboratorio di creatività capace di percepire e trasmettere valore aggiunto in perfetto anticipo sui tempi. E’ una Scuola che gioca di squadra: si confronto, condividendo abilità, competenze e valori”.

LASCIA UN COMMENTO