CONTRIBUTI AD INQUILINI DI ALLOGGI COLPITI DA SFRATTO A GENOVA

0
CONDIVIDI
Con legge di stabilità il governo azzera per gli inquilini il fondo per gli sfratti

sfratto-casaGENOVA. 19 GIU. Il Comune di Genova, tramite l’Agenzia Sociale per la Casa, avvia la procedura alla lotta agli sfratti attraverso la messa a disposizione del Fondo per la Morosità Incolpevole previsto dalla legge nazionale 23 maggio 2014, n. 80 Misure urgenti per l’emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015”.

Sarà possibile fare richiesta fino al 31 ottobre 2015.

Il Fondo tiene conto dei criteri per l’accesso ai contributi stabiliti dal decreto ministeriale che definisce la morosità incolpevole come “la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare”.

 

Per poter richiedere i contributi si deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

a) essere titolare unitamente al nucleo familiare di reddito (valore) ISE non superiore ad euro 35 mila o un reddito derivante da regolare attività lavorativa con un valore ISEE non superiore ad euro 26 mila;

b) essere destinatario di un atto di intimazione di sfratto per morosità con citazione per la convalida;

c) essere titolare di contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente registrato (sono esclusi gli immobili appartenenti alle categorie catastali A1, A8, A9) e risiedere nell’alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno;

d) avere cittadinanza italiana, di un paese dell’UE ovvero, nei casi di cittadini non appartenenti all’UE, possedere un regolare titolo di soggiorno;

e) non essere titolare di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella provincia di Genova di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare. Il requisito deve essere posseduto anche dagli altri componenti del nucleo familiare del richiedente.

Tutti i requisiti devono essere posseduti dal richiedente al momento della presentazione della domanda e dell’eventuale assegnazione del contributo.

I contributi verranno erogati fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

La domanda di accesso al contributo dovrà essere presentata utilizzando l’apposito modulo scaricabile dal sito del Comune, corredato da ogni idonea documentazione e dichiarazione. Le domande vanno consegnate entro e non oltre il 31 ottobre 2015 presso l’Archivio Generale del Comune in piazza Dante 10.

LASCIA UN COMMENTO