CONFISCATI BENI PER 1,2 MILIONI DI EURO AL MARCHESE CATTANEO ADORNO

0
CONDIVIDI

110307-aree-ex-fit-300x225[1]SESTRI LEVANTE. 3 GIU. La Procura di Genova ha sequestrato in via preventiva le quote della Namira, società con sede in Italia della famiglia del marchese Giacomo Cattaneo Adorno.

L’accusa è di evasione fiscale per 1,2 milioni di euro. L’evasione riguarderebbe l’anno 2008, in cui non ci sarebbero dichiarazioni fiscali circa gli utili della Unilink, sempre legata ai Cattaneo Adorno, quest’ultima società con sede in Lussemburgo ma attiva sul mercato immobiliare e finanziario italiano.

L’inchiesta della Procura di Genova, inizia ed approfondisce una indagine fiscale dell’Agenzia delle Entrate. La famiglia Cattaneo Adorno nella città di Sestri Levante era proprietaria di vasti apprezzamenti di terreni, tra cui gli spazi dove è stata costruita la Fit, fabbrica dove lavoravano migliaia di posti di lavoro, poi fallita. Dopo il fallimento gli enti che fanno parte comune approvarono un ampio progetto edilizio.

 

Cattaneo Adorno al inizio anni 2000 ha costruito un quartiere residenziale, dove aveva sede la fabbrica FIT-ferrotubi, ci furono molte polemiche, poi un fallimento anche grazie alla crisi del settore edile. Qualche anno fa il marchese dovette trasferirsi per un periodo in Brasile e la società costruttrice a Sestri Levante fallì, ma ne venne riaperta un’altra società molto simile. ABov .

LASCIA UN COMMENTO