Con Ucina la nautica approda alla Camera

0
CONDIVIDI
Un'opportunità dal Brasile per le aziende italiane
Si svolgerà il prossimo 18 settembre alle ore 9.30, presso la Camera dei Deputati, Sala Berlinguer, il convegno promosso dal Gruppo del Partito Democratico e da UCINA Confindustria Nautica
Si svolgerà il prossimo 18 settembre presso la Camera dei Deputati il convegno promosso dal PD e da UCINA Confindustria Nautica

ROMA. 1 SET. Si svolgerà il prossimo 18 settembre alle ore 9.30, presso la Camera dei Deputati, Sala Berlinguer, il convegno promosso dal Gruppo del Partito Democratico e da UCINA Confindustria Nautica, dal titolo “Turismo nautico, ricchezza del Paese”.

All’ appuntamento interverranno il Presidente del Gruppo PD, Ettore Rosato, la Vice Presidente, Silvia Fregolent, gli Onorevoli Tiziano Arlotti (Comm.ne Attività produttive) e Mario Tullo (Comm.ne Trasporti), la Responsabile nazionale Cultura e Turismo del PD, Lorenza Bonaccorsi, le Sottosegretario ai Beni culturali, Francesca Barracciu, e la Sottosegretario all’Economia, Paola De Micheli, oltre a diversi imprenditori del settore.

Gruppo parlamentare, partito di maggioranza ed esponenti del Governo sono chiamati insieme, per la prima volta presso la Camera dei Deputati, a una riflessione sul comparto, sul suo valore economico e occupazionale e sul suo rilancio.

 

“Dopo l’appuntamento istituzionale dello sorso anno in Senato, la Nautica è ufficialmente ospitata alla Camera – commenta il Presidente di UCINA Confindustria Nautica, Carla Demaria. Si tratta di un momento di attenzione e di riflessione molto importante per il nostro settore verso il quale, grazie al lavoro svolto in questi anni non facili dall’Associazione di categoria, finalmente si riscontra una percezione differente”.

“Il convegno arriva alla vigilia del Salone Nautico di Genova, ma soprattutto della presentazione della legge Finanziaria” – aggiunge il Presidente Demaria – “dalla quale ci aspettiamo ulteriori norme di sostegno. La nautica è un’industria con un valore del surplus commerciale superiore a quello di altre grandi produzioni made in Italy – dall’occhialeria, alla pasta, fino ai mobili in legno – ed è un formidabile volano per la filiera turistica e dei servizi e come tale va considerata e supportata”.

LASCIA UN COMMENTO