Como-Spezia, Di Carlo “Dovremo far valere le motivazioni”

0
CONDIVIDI
Di Carlo
Di Carlo
Di Carlo

LA SPEZIA 15 MAG.  Nel penultimo turno di campionato, lo Spezia è chiamato alla prova sul campo del fanalino di coda Como, formazione che Mimmo Di Carlo non intende assolutamente sottovalutare e contro cui servirà una prestazione maiuscola per poter festeggiare matematicamente l’accesso ai playoff: “A due partite dalla fine tutti gli incontri sono finali, ma noi non dobbiamo pensare a quello che accadrà oggi pomeriggio sugli altri campi, bensì dobbiamo pensare esclusivamente al nostro obiettivo e a ciò che dobbiamo fare per riuscire a raggiungerlo”.

In riva al lago con personalità – “A Como sarà una partita difficile, il Como in casa avrebbe meritato molto di più e nelle ultime tre partite, sebbene non siano arrivati successi, i lariani sono stati autori di tre grandissime prestazioni, pertanto dovremo giocare con grande personalità, cercando di fronteggiare al meglio delle nostre possibilità la grinta, l’orgoglio e la voglia di mettersi in mostra degli uomini di mister Cuoghi, a cui comunque vanno i miei complimenti per aver tenuto viva la squadra nonostante la retrocessione”.

La cavalcata non è finita – “Siamo consci di aver compiuto una grande cavalcata fino a questo momento e non siamo assolutamente intenzionati a frenare proprio sul più bello, quindi testa esclusivamente al Como senza pensare alla classifica; siamo stati bravi ad arrivare ad oggi pensando ad una partita alla volta e così continueremo a fare”.

 

Servirà una partita perfetta – “Ancora una volta siamo chiamati a fare una partita perfetta, nella quale atteggiamento e determinazione dovranno fare la differenza contro un Como che corre e lotta e che merita massimo rispetto; sarà fondamentale giocare con quel piglio che ci ha fatto scalare la classifica e che ci ha consentito di riconquistare il pubblico spezzino, mettendo in campo le nostre armi migliori per conquistare l’accesso matematico ai playoff”.

In sette ai box – “Oltre a Nenè, Tamas e Postigo che comunque continuano a migliorare, ed allo squalificato Acampora, per la trasferta lombarda non avremo a disposizione Vignali, fermatosi questa mattina in partitella a causa di un problema muscolare, Crocchianti e Okereke, il quale ormai ha recuperato, ma che preferiamo non rischiare”.

Le motivazioni faranno la differenza – “Sono molto orgoglioso di questa squadra, un gruppo che lavora sempre senza sosta per raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati e sono sicuro che anche domani i ragazzi saranno autori di un’ottima prova, anche perchè le nostre motivazioni devono fare la differenza sul rettangolo verde; ultimamente ci manca un pò di concretezza, ma già il fatto di creare tante occasioni è un dato estremamente positivo, così come significativo è quello relativo alle reti subite, infatti nel girone di ritorno Chichizola è stato battuto soltanto dieci volte e credo che questo abbia fatto la differenza. Ad ogni modo abbiamo grandi attaccanti e quando loro lavorano bene, tutta la squadra gioca meglio a calcio e sono sicuro che ci aiuteranno a vincere tante partite importanti da qui alla fine”.

Un passato da lariano – “Da giovanissimo ho avuto modo di giocare a Como con Tarcisio Burgnich allenatore e tanti calciatori di assoluto valore in rosa, primo tra tutti Borgonovo, da cui ho avuto modo di imparare tantissimo pur non giocando; è stata una gavetta importante per la mia carriera, in riva al lago ho imparato la cultura del lavoro, è stata un’esperienza formativa ed in Lombardia ho anche trovato tante persone speciali che mi sono state vicine in momenti difficili”.

LASCIA UN COMMENTO