Comitati ad Osservatorio Prè: degrado colpa dei buonisti, non dei carabinieri

11
CONDIVIDI
Antonella Davite protesta con residenti e commercianti dei caruggi contro il mercatino illegale di Doria e Fiorini

GENOVA. 7 SET. “Colpa di certa politica e dell’immigrazione incontrollata, non di carabinieri e poliziotti. E’ sbagliato attaccare chi ci difende quotidianamente ed è in prima linea contro la criminalità. Loro sono sempre presenti, la sinistra che amministra da anni Genova no. Loro li arrestano, altri li li lasciano liberi di continuare a delinquere e di vagare nei vicoli. Il quadro dipinto nei giorni scorsi da Marco Ravera dell’Osservatorio di Prè Gramsci non corrisponde alla realtà della grave situazione di insicurezza e degrado nel centro storico genovese. Non lo diciamo solo noi. Lo dimostrano pure i dati obiettivi sull’aumento di arresti e denunce negli ultimi mesi, diffusi dall’Arma”.

Lo ha dichiarato oggi Antonella Davite, presidente del Civ Sarzano Sant’Agostino, dopo le polemiche sollevate da Ravera che ha puntato il dito contro le forze dell’ordine, anziché i vari buonisti.

Pertanto, insieme a Edoardo Zingariello (responsabile Darsena), al Comitato Residenti di Sarzano e a Mario costigliolo (responsabile Sottoripa), la battagliera presidente del Civ ha voluto rendere pubblica la reale fotografia dell’emergenza nei caruggi, mettendola nera su bianco.

 

Eccola: “Il centro storico attende. Amministrazione comunale dopo amministrazione comunale. Da troppi anni, residenti e commercianti aspettano che il dialogo tanto promesso dalla politica porti alla tutela della vivibilità e al rilancio economico della città vecchia. Purtroppo tutto ciò non è avvenuto, in molti sono gia andati via ed altri lo faranno, qualcuno resta, sempre piu deluso e amareggiato. Il dibattito che in questi giorni assume un grande interesse e’ quello relativo alla sicurezza e al degrado dell’ambiente. Partendo da Ponte Parodi , il progetto “della grande Piazza sul Mediterraneo ” approvato nel 2002 , è rimasto sulla carta ,mentre restano i vecchi magazzini portuali che servono al bivacco e da dormitorio a sbandati, e la piazza e’ un posteggio selvaggio.

Questo è il percorso che fanno i croceristi prima di vedere il Museo del Mare e L Acquario. Si passa poi all’ Hennebique struttura abbandonata dove il degrado regna sovrano la sporcizia, le siringhe e i topi che durante il giorno passeggiano nella zona limitrofa; dove c e un ‘ asilo , l’universita , l’istituto nautico e vivono 78 famiglie nell edificio” Il Cembalo” . A nulla sono valse le denunce portate dai cittadini in Comune.

Intanto, continua lo spaccio di droga sulla passeggiata Belvedere , e chi mai si e’ interessato dei Pescatorio di Calata Vignoso? Oggi devono aver paura di recarsi al lavoro nelle ore notturne e subiscono ogni sorta di prevaricazione da parte di balordi, dovendo anche sopportare di essere in una Fogna a cielo aperto , teniamo conto che siamo in una zona Turistica. La viabilità del territorio che le nuove regole sugli accessi al centro storico dovevano portare ,sono state un fallimento totale da cui non se ne viene a capo. Le cinture limitrofe già destinate al parcheggio a rotazione x ridare nuovo impulso al commercio che langue ,come corso quadrio , adibita a mercatino che nulla ha a che vedere con l integrazione ne con la riqualificazione ma porta solo degrado e insicurezza.

In questi anni i cittadini hanno portato con fatica e determinazione in comune questi problemi non è valso a nulla , tenuti fuori dalla porta e dalla politica con il Pd schierato con il Sindaco Marco Doria e tutti coloro che lo hanno sostenuto per paura di perdere la poltrona portando cosi la città vecchia al declino sociale e morale .

Sottoripa un tempo caratteristica zona di Genova ridotta ad una latrina dove neppure di giorno è piu sicuro passare senza avere problemi con ubriachi e malfattori, dove il mercato abusivo di Turati è risorto dalle tre alle sette del mattino . In questo clima, spacciatori assoldati dalla criminalità hanno invaso anche le zone come Sarzano , Ravecca , Sant’Agostino e vico Biscotti che da tempo erano riqualificate portando una violenza mai vista, espressa dai migranti, che trovano nella criminalità organizzata un barlume di “integrazione” . Drammatica situazione che deve cambiare e non può più essere ammessa.

Nonostante la presenza delle forze dell’ordine. La responsabilita è della politica che tende sempre a punire coloro che lavorano e chiudono gli occhi davanti a questi fatti . Possiamo affermare con forza che il Comune ha fallito, e i partiti che hanno sostenuto questa politica sono responsabili di questo fallimento”.

 

11 COMMENTI

  1. perchè questi buonisti non si tengono in casa proria questi immigrati ha loro spese o che se li mantenga il sindaco DORIA visto che grazie al PD PARTITO DI …….che sono così di cuore verso questo schfo di delinquenti il risulato si vede e sarà sempre peggio visto che sono protetti mentre che polizia carabinieri ecc ecc si rischiano la pelle per poi rivederli il giorno dopo nuovamente per strada

  2. No, ma infatti, non è anche colpa di chi ha impedito la movida nei vicoli, riducendone drasticamente la frequentazione, facilitando il commercio di stupefacenti, perché l’alcool era troppo molesto!!!

LASCIA UN COMMENTO