CHIAVARI: PREVENIRE ALLAGAMENTI, INTESA TRA AMMINISTRAZIONE COMUNALE E IDROTIGILLIO

0
CONDIVIDI

Alluvione-Caruggio-Chiavari[1]Chiavari 25 set. E’ necessario ripulire i canali e le condotte che, ormai da decenni, sono in stato di degrado e di abbandono. A tal scopo, e in un’ottica collaborativa, si è svolto questa mattina a Chiavari un incontro coi vertici di Idrotigullio,  perché l’Amministrazione comunale intende intervenire in maniera prioritaria e decisa in previsione delle forti piogge autunnali ed invernali.

«Sono soddisfatto di questo incontro – spiega soddisfatto Roberto Levaggi, sindaco di Chiavari – abbiamo fatto passi avanti decisivi che ci consentiranno di predisporre, nei prossimi giorni, un accordo quadro per operare alcuni interventi urgenti sulla rete delle acque bianche.

Questo al di là del contenzioso con la società che pur esiste e che sarà risolto nelle sedi opportune, per trovare una soluzione che consenta di continuare in maniera proficua mi auguro – puntualizza Levaggi – La reciproca collaborazione su varie iniziative: ciascun soggetto metterà a disposizione le proprie risorse, Idrotigullio impiegherà i propri uomini e mezzi per ripulire le canalizzazioni delle acque bianche che evidenziano le maggiori criticità. Complessivamente si interverrà per ripulire non meno di 100 tombini: un numero consistente, tenuto conto che nelle ultime settimane di agosto e nelle prime di settembre sono già stati ripuliti e risanate oltre 80 caditoie con pozzetti.

 

250_20443[1]Il Comune, nell’attesa della sentenza sul contenzioso in atto e in via provvisoria, stanzierà circa 30.000 euro di risorse proprie, confidando che anche Idrotigullio possa intervenire per quanto di sua competenza». Accantonato il contenzioso sulle competenze tra Idrotigullio S.p.A e il Comune di Chiavari nato sulla base della convenzione, si pensa di comune accordo, di prevenire allagamenti e disastri futuri per la città e località limitrofe.

«Al fine di risolvere i problemi più urgenti la nostra società sta già operando in collaborazione con il Comune per la pulizia delle canalizzazioni – precisa Enzo Mangini, A.d. di Idrotigullio. – Il finanziamento recentemente concesso dall’ATO consentirà poi a breve di predisporre uno studio idraulico, affidato a società esterna, per realizzare un modello previsionale del comportamento della rete cittadina in caso di eventi alluvionali.

Questo ci consentirà di pianificare le priorità di intervento e di inserire nel piano degli investimenti per i prossimi anni il potenziamento delle tratte di rete nelle quali saranno riscontrate le maggiori criticità.» La fonte di questo comunicato è stato inviato da Ufficio Stampa Idrotigullio S.p.A. ABov.

LASCIA UN COMMENTO