Home Cronaca Cronaca Italia

CGIL, CISL. UIL: FABRIZIO CANNONERO E’ L’ENNESIMA VITTIMA SUL LAVORO

0
CONDIVIDI

E’ necessario rendere possibile la certezza che per i lavoratori un giorno di lavoro possa concludersi con il ritorno alla propria casa, dai propri cari, ai propri affetti.

Occorre:  che la vita dei lavoratori non sia messa in pericolo dal semplice lavorare 
Occorre: che tutti i soggetti del mondo economico ed istituzionale, a partire dalle imprese, considerino il valore della vita dei lavoratori e la loro sicurezza come un bene da tutelare e difendere al di sopra di tutto.

Rivendichiamo: 
– l’immediata promulgazione da parte del Governo del Testo Unico sulla Sicurezza;
– che si dia immediata applicazione nel porto di Genova al protocollo sulla sicurezza del Maggio 2007 attraverso l’immediata costituzione del SOI  (Servizi Operativi Integrati), con il riconoscimento da parte di tutti gli operatori delle sue prerogative;
– auspicando che tali norme possano essere estese a tutti i porti italiani.


CGIL  CISL  UIL Genova proclamano, in concomitanza con il funerale e nel rispetto del lutto cittadino dichiarato dal Comune, 3 ore di sciopero generale di tutti i lavoratori Genovesi dalle ore 10 alle ore 13  del 5 marzo 2008.
Rispettando la volontà della famiglia non si darà luogo a nessuna manifestazione pubblica.

Per i lavoratori che, senza bandiere o striscioni e con un composto silenzio, vogliono testimoniare la loro solidarietà alla famiglia l’appuntamento è alle ore 11,15 a Staglieno.

Per i lavoratori dei servizi pubblici essenziali che non potranno pienamente partecipare allo sciopero in funzione della Legge 146, la sospensione del lavoro sarà di 15 minuti dalle 11,30 alle 11,45 del 5 marzo 2008.
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here