Cessata emergenza a Genova: ora bonificare, ma pm non dissequestra

0
CONDIVIDI
Il mar Ligure è tutto piulito, come prima. Capitaneria dispone la cessata emergenza locale anche a Genova
Il mar Ligure è tutto piulito, come prima. Capitaneria dispone la cessata emergenza locale anche a Genova
Il mar Ligure è tutto piulito, come prima. Capitaneria dispone la cessata emergenza locale anche a Genova

GENOVA. 25 APR. Il mar Ligure è tutto pulito, come prima. La Capitaneria di porto, concordando con le altre istituzioni ed operatori ambientali, poco fa ha revocato anche per la provincia di Genova lo stato di emergenza locale, che era stato proclamato in relazione allo sversamento di circa 500-600 metri cubi di petrolio greggio nigeriano nel Polcevera e dopo la rottura di uno degli argini sul torrente.

La situazione è quindi tornata relativamente normale. Ora si pensa con più tranquillità alla bonifica dell’alveo del torrente e del territorio colpito dal disastro ambientale dell’altra domenica.

In tal senso, domani Iplom chiederà alla procura il dissequestro delle aree. Tuttavia, sembra che il pm non ci senta. Al momento, lì nessuno può intervenire e pare che per il dissequestro e la partenza dei lavori di bonifica occorra spettare ancora dei giorni.

 

Stanotte, intanto, l’azienda di Busalla ha avviato le procedure di arresto degli impianti di raffineria, che avranno durata 15 giorni: i dipendenti sono in cassa integrazione.

LASCIA UN COMMENTO