Centro storico: Doria aggiorna la sicurezza, ma solo per i musei

0
CONDIVIDI
Il Cannone di Niccolò Paganini suonato da Garrett
Il Cannone di Niccolò Paganini suonato da Garrett
Il Cannone di Niccolò Paganini suonato da Garrett

GENOVA. 22 GIU. A meno di due mesi dall’annuncio della collaborazione pluriennale, che vede impegnata la Fondazione Enzo Hruby di Milano insieme al Comune di Genova per l’aggiornamento dei sistemi di sicurezza dei musei di Strada Nuova, è stata portata a termine la prima fase del progetto, destinata alla protezione di Palazzo Tursi e della sala Paganini, che custodisce al suo interno il celebre violino “Cannone”.

“L’intervento – hanno spiegato oggi da Tursi – interamente sostenuto dalla Fondazione Enzo Hruby, che da anni è impegnata per la protezione del patrimonio culturale italiano contro furti, sottrazioni e vandalismi, si è concretizzato nella completa sostituzione dell’impianto di videosorveglianza ormai obsoleto esistente a Palazzo Tursi con un sistema Over IP all’avanguardia e con nuove strutture di rete.

L’utilizzo di telecamere IP ad alta definizione dotate di illuminatori a raggi infrarossi permette di ottenere immagini estremamente nitide in qualsiasi condizione di luminosità all’interno delle sale. Nella Sala Paganini le telecamere installate sono anche dotate di ottica varifocale motorizzata con gestione da remoto della messa a fuoco.

 

La tecnologia Over IP di ultima generazione utilizzata offre la possibilità di implementare nel sistema algoritmi di analisi video evoluti, atti a controllare sia attività anomale, come intrusioni ed effrazioni, sia a dotare il complesso museale di strumenti utili per la gestione dei flussi dei visitatori e per il controllo della loro sicurezza.

Il nuovo sistema è inoltre predisposto per rendere possibile, a completamento dell’intero progetto destinato ai Musei di Strada Nuova, la centralizzazione di tutti gli impianti in un unico punto di controllo, rendendo estremamente semplice e pratica la loro gestione. Per la realizzazione dell’intervento la Fondazione Enzo Hruby ha incaricato la società Umbra Control di Perugia, azienda Amica della Fondazione”.

 

LASCIA UN COMMENTO