Home Consumatori Consumatori Genova

Cassazione, fine del “tenore di vita” nell’assegno divorzile

0
CONDIVIDI
Cassazione, fine del "tenore di vita" nell’assegno di divorzio

ROMA. 11 MAG. Assegno di divorzio, tenore di vita, da oggi si cambia. La Cassazione stabilisce nuovi parametri per assegnare l’assegno divorzile al coniuge che lo richiede. Con la sentenza numero 11504/17 emanata il 10 maggio d’ora in poi, si considera il criterio dell’indipendenza o autosufficienza economica, non si può avere più il tenore di vita goduto nel corso delle nozze. Il matrimonio cessa così di essere “sistemazione definitiva”: sposarsi, scrive la Corte, è un “atto di libertà e auto-responsabilità”, questo provvedimento è un “orientamento” ma non c’è ancora una legge approvata dal Parlamento.

La rivoluzione nasce con la sentenza relativa a un divorzio “eccellente” tra un ex ministro della Repubblica Italiana e una signora di professione imprenditrice. I supremi giudici hanno respinto il ricorso con il quale la signora reclamava l’assegno di divorzio già negatole con verdetto emesso dalla Corte di Appello di Milano nel 2014, perché aveva ritenuto incompleta la sua documentazione reddituale e valutato che l’ex ministro dopo la fine del matrimonio aveva subito una “contrazione” dei redditi.

Pronunciandosi sul caso, la Cassazione ha corretto anche la motivazione del verdetto della Corte d’Appello di Milano: a far perdere all’ex moglie dell’ex ministro il diritto all’assegno non è il fatto che si supponga abbia redditi adeguati, ma la circostanza che i tempi ormai sono cambiati.


Si legge nella nota: «occorre superare la concezione patrimonialistica del matrimonio inteso come sistemazione definitiva ‒ perché è ormai ‒ generalmente condiviso nel costume sociale il significato del matrimonio come atto di libertà e di autoresponsabilità, nonché come luogo degli affetti e di effettiva comunione di vita, in quanto tale dissolubile. Si deve quindi ritenere ‒ conclude la Cassazione ‒ che non sia configurabile un interesse giuridicamente rilevante o protetto dell’ex coniuge a conservare il tenore di vita matrimoniale.»ABov

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here