“Casa Mia” al Questore: rispetto per la polizia, ma noi in regola

1
CONDIVIDI
La replica su Facebook della direzione del Casa Mia Club ristorante-disco in via XII Ottobre: Signor Questore, c'è un errore, noi in regola
La replica su Facebook della direzione del Casa Mia Club ristorante-disco in via XII Ottobre: Signor Questore, c'è un errore, noi in regola
La replica su Facebook della direzione del Casa Mia Club ristorante-disco in via XII Ottobre: Signor Questore, rispettiamo la polizia, ma c’è un errore, noi in regola

GENOVA. 22 FEB.  Ecco il testo del comunicato ufficiale, con cui la direzione del Casa Mia Club in via XII Ottobre replica alla decisione del questore Vincenzo Montemagno di chiudere per trenta giorni il locale, ai sensi del Tupls per questioni di sicurezza e ordine pubblico.

“In merito alla decisione del Questore che ha disposto la chiusura del Casa Mia Club per 30 giorni teniamo a puntualizzare alcuni aspetti primo tra i quali rispetto dell’autorità di Polizia con cui abbiamo sempre collaborato e con cui si intende proseguire in un rapporto finalizzato a rendere fruibile a tutti l’intrattenimento che è parte fondamentale del nostro lavoro. In caso di situazioni di tensione siamo i primi a chiamare le forze dell’ordine e nel nostro locale opera un’agenzia di security che ha regolare autorizzazione della Prefettura di Genova.
Nessuno scippo, nessuna rapina, nessuna aggressione si sono verificati negli ultimi anni nel locale o nel raggio di nostra competenza (300 mt.).
La disposizione si basa su poche segnalazioni, in tutto cinque, diluite nel tempo dal 2014 ad oggi, la più grave delle quali si è verificata a 100 mt. dal Casa Mia, il 16 gennaio 2016 e ha come conseguenza un naso rotto con successiva prognosi di circa 30 giorni.
Il Casa Mia Club non è soltanto discoteca ma anche ristorante – pizzeria e studioteca durante le ore diurne, la chiusura produce il solo risultato di lasciare trentacinque persone, tra dipendenti e collaboratori, senza lavoro con conseguenze anche sull’indotto dei vari fornitori e non risolve il problema dell’ordine pubblico.
Il nostro, come altri, è un luogo di aggregazione controllato e presidiato secondo standard che rispettano l’attuale regolamentazione di pubblica sicurezza. Le due-tremila persone che normalmente frequentano il Casa Mia nella settimana sono per la maggior parte ragazzi e ragazze che vogliono divertirsi, ne abbiamo molte testimonianze dirette nei numerosi messaggi di solidarietà arrivati sui social o privatamente alla notizia della chiusura del locale. Le poche teste calde protagoniste dei fatti descritti non subiscono alcuna restrizione.
Il provvedimento colpisce i lavoratori e le persone perbene che vengono a ballare, a studiare o a mangiare al Casa Mia.
La proprietà e la direzione del locale sono sempre stati collaborativi e disponibili nei confronti delle istituzioni e delle autorità di pubblica sicurezza perchè è interesse comune rendere la movida genovese un’alternativa sostenibile per tutti. Non di molto tempo fa, con data 21 novembre 2015, un verbale di totale regolarità elevato durante un controllo da parte di sovrintendenza, polizia municipale, vigili del fuoco e siae e nel recente passato (ultimi tre anni) non vi è traccia sui vari organi di stampa di notizie di cronaca che chiamino in causa il Casa Mia con riferimento a reati di qualsivoglia gravità. Niente di niente.
I video interni del locale, tenuti a norma di legge, sono sempre a disposizione di chi con dovuta autorizzazione ne facesse richiesta.
Ribadiamo la nostra disponibilità ad esplorare insieme alle autorità soluzioni che possano scongiurare il ripetersi di episodi che possano turbare l’ordine pubblico. In buona fede e nella completa fiducia delle istituzioni attendiamo di poter esporre la nostra versione dei fatti.

Max Giannini (direttore artistico)“.

1 COMMENTO

  1. Si si tutto in ordine come no. I buttafuori o sicurezza come volete chiamarli, non picchiano non rompono i nasi, nè altro, nè li ne in altri locali. Poi al pronto arrivano ragazzi che anche in stato di ebbrezza si vede che sono stati picchiati, ma non lo dicono che si vergognano.
    Ex pugili che fanno da buttafuori, vigili del fuoco od altri appartenenti a forze fuori servizio, picchiatori professionisti e ben altro….

LASCIA UN COMMENTO