Caruggi, preso il marocchino rapinatore seriale della movida

2
CONDIVIDI
Albanese irregolare espulso rientra: arrestato dai carabinieri
Marocchino fermato nei caruggi, i carabinieri: è il rapinatore seriale che colpisce nelle ore della movida
Marocchino fermato nei caruggi, i carabinieri: è il rapinatore seriale che colpisce nelle ore della movida

GENOVA. 11 GIU. Per gli investigatori è il rapinatore seriale che colpisce nelle ore della movida.

L’altra sera i carabinieri della compagnia Centro hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria per rapina un 35enne marocchino, senza fissa dimora.

Dal mese di marzo, infatti, nei caruggi si è registrata un’escalation di rapine, dove sono rimasti coinvolti uomini e donne, giovani ed anziani, i quali sono stati aggrediti e derubati di portafogli, cellulari, zaini, denaro.

 

Secondo i carabinieri, il marocchino ha agito da solo e saltuariamente con un complice, che è ricercato.

L’attività d’indagine condotta dal nucleo Operativo ha consentito, dopo l’attenta analisi dei reati (la condotta ripetuta, gli orari, i luoghi e le descrizioni fisiche del rapinatore) ma soprattutto la tenacia nell’effettuare innumerevoli servizi di appostamento nel centro storico, di fermare il malvivente prima che potesse compiere altri reati.

Dopo aver effettuato un servizio di osservazione sotto la pioggia incessante, l’altra sera i militari hanno individuato l’immigrato mentre stava seguendo a distanza ravvicinata una donna, che sembrava essere proprio un’altra sua vittima.

Il marocchino era libero, nonostante i suoi precedenti specifici. Infatti, era già stato identificato quale autore di almeno cinque delle oltre trenta rapine commesse nel centro storico da febbraio ad oggi, su cui sono ancora in corso ulteriori accertamenti.

Il fermato è stato ristretto presso il carcere di Marassi, a disposizione dell’autorità giudiziaria, che si spera non lo liberi più.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO