Carabinieri non dormono, presi i vandali di Certosa e Teglia

9
CONDIVIDI
48 enne aggredisce donna con un pugno in faccia
Un contorllo dei carabinieri di notte: ieri una pattuglia dell'Arma ha individuato e fermato due ventenni, che sarebbero gli autori degli atti vandalici a danno delle auto posteggiate in via Fillak, Certosa e teglia: distrutti decine di finestrini senza rubare nulla nelle auto
Stanotte una pattuglia dell’Arma ha fermato due ventenni, che sarebbero gli autori degli atti vandalici a danno delle auto posteggiate in via Fillak, Certosa e Teglia: rotti decine di finestrini

GENOVA. 22 FEB. “Dormite sereni…i ladri che hanno spaccato auto a Bolzaneto, Certosa e Rivarolo sono nelle nostre mani…”. Lo ha annunciato stamane su Facebook anche un carabiniere, in contatto con il gruppo di residenti coraggiosi di Certosa, che l’altra notte avevano organizzato la passeggiata della sicurezza per il quartiere.

La strage di finestrini rotti nel ponente genovese, quindi, dovrebbe essere finita.

L’Arma non dorme e risolve i problemi della gente, denunciati anche attraverso i social network. Gira e rigira per il quartiere, una pattuglia stanotte ha fermato due presunti vandali poco più che ventenni, un ragazzo e una ragazza, che risulterebbero gli autori della serie di azioni ai danni delle auto posteggiate in via Walter Fillak, Certosa e Teglia.

 

Sulla loro auto sarebbero stati rinvenuti alcuni oggetti, come martelletti frangivetro. I due non sono stati pizzicati in flagranza di reato. Pertanto, sono stati solo denunciati all’autorità giudiziaria per il possesso ingiustificato degli oggetti atti a compiere il reato continuato di danneggiamento aggravato. I due avrebbero confessato i raid vandalici. Ora dovranno risarcire migliaia di euro ai malcapitati automobilisti.

 

9 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO