Home Cronaca Cronaca Genova

Capodanno sicuro, i carabinieri intensificano i controlli

6
CONDIVIDI
Capodanno sicuro, i carabinieri intensificano i controlli

GENOVA. 31 DIC. Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Genova ha intensificato l’impiego di ogni propria articolazione sul territorio al fine di garantire un’elevata cornice di sicurezza durante le festività, con una particolare attenzione a quei luoghi ed obiettivi che per l’afflusso di persone e turisti, specie per i festeggiamenti dell’ultima notte dell’anno, sono da considerarsi maggiormente sensibili in ragione di quanto recentemente accaduto sulla scena internazionale.

Massima attenzione quindi alle piazze ed alle strutture che ospiteranno eventi e spettacoli, ma anche ai luoghi di culto, ai centri commerciali e di aggregazione giovanile, alle stazioni ferroviarie e della metropolitana, alle principali vie di snodo stradale, alla zona portuale ed all’aeroporto.

Una presenza costante e capillare, composta anche da unità in borghese, capace di integrarsi tra la folla e rendersi visibile senza apparire eccessiva, in grado di vigilare sul contesto e garantire tempi di intervento immediati in caso di necessità.


Tra le sue componenti, il Comando Provinciale dei Carabinieri di Genova si avvarrà dell’A.P.I., acronimo di Aliquota di Primo Intervento, unità specializzata antiterrorismo il cui impiego, al pari degli altri servizi che ricadono sotto il controllo tattico del Comandante Provinciale, si incardina nel più vasto sistema di controllo del territorio sviluppato di concerto con le altre Forze di Polizia sotto l’opera di coordinamento della locale Prefettura.

Le A.P.I. sono state istituite dall’Arma dei Carabinieri in 16 capoluoghi ritenuti a maggior rischio, e sono dotate di veicoli balisticamente protetti, strumentazione, equipaggiamento ed armamento di livello superiore a quelli tradizionalmente in uso in funzione del loro precipuo compito di antiterrorismo.

Il dispositivo delle A.P.I. si integra con quello delle S.O.S., Squadre Operative di Supporto, istituite nei Battaglioni Mobili dei Carabinieri compreso quello presente a Genova, attraverso un addestramento condiviso che ne permetta l’impiego sinergico sullo stesso scenario.

A Genova, l’A.P.I. è operativa dal 25 marzo 2016 ed è composta da personale volontario ed altamente motivato, con pregressa esperienza operativa, costantemente addestrato, anche a cura di istruttori delle unità speciali del G.I.S., a fronteggiare con immediatezza non solo le azioni terroristiche di media complessità ma anche quelle situazioni in cui vi sia grave ed imminente pericolo per la vita delle persone quali i barricamenti domestici per propositi suicidi e/o la presenza di criminali asserragliati con ostaggi.

Nel quotidiano, l’A.P.I. si affianca ai servizi di controllo del territorio svolti dagli equipaggi del Nucleo Radiomobile di Genova ed in questo periodo di festività ha concentrato la propria presenza nelle aree cittadine di maggior richiamo per turisti e residenti al fine di innalzare il livello di sicurezza percepita di fronte ai timori indotti dalla minaccia terroristica. L’attività di prevenzione svolta dall’A.P.I. sarà implementata dall’impiego delle unità Artificieri Antisabotaggio del Comando Provinciale di Genova, costantemente reperibili e pronte all’impiego per bonifiche di luoghi, ispezioni di plichi ed oggetti vari, verifiche su veicoli posteggiati in modo sospetto, nonché per intervenire su fuochi d’artificio inesplosi e potenzialmente pericolosi per l’incolumità delle persone, specie dei bambini.

6 COMMENTI

  1. Visto chi odiava tanto le divise cosa succede? Bene,speriamo che ne sbattano qualcuno in galera stanotte!!! Poverini avranno paura di “fumare” in pubblico come fanno di solito e chi si vuole ubriacare….stara’ astemio. Grazie compagnucci di averci tolto la liberta’,quella vera!!! Davanti ai vostri occhi avete la prova che siete solo dei pagliacci. Oh,non scambiateli per…partigiani,quelli sono agenti vivi e vegeti. Ah ah ah ah ah ah ah

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here