Home Da Sistemare

CAPODANNO: LA GUIDA PER IL CENONE (E PER IL RISPARMIO)

0
CONDIVIDI

Ora le fattorie e cantine della provincia di Massa Carrara che effettuano la vendita diretta sono anche…online. Come per ristoranti ed enoteche, locali notturni e discoteche, le aziende agricole dove è possibile fare la spesa con la migliore convenienza nel rapporto tra prezzi e qualità sbarcano nel web. 
A pochi giorni dal cenone di capodanno Coldiretti, nell’ambito della Fondazione Campagna Amica, presenta al pubblico “In viaggio per Fattorie e Cantine”, mappa consultabile sul sito della federazione dove sarà possibile individuare le fattorie della Provincia di Massa Carrara (ed anche di altri comuni, provincie o regioni) la piu’ ampia gamma di aziende agricole che vendono direttamente selezionando anche le categorie di prodotto desiderate ed eventualmente anche le specialità garantite da marchio. E la filiera corta diventa ancora più corta per preparare cenoni a base di prodotti tipici del territorio badando a risparmiare. Miele, vino, olio, frutta ed ortaggi, funghi, confetture, farina di castagne, ma anche carne e salumi della Lunigiana, persino erbe selvatiche: in Provincia di Massa Carrara sono 63 le “fattorie” che effettuano la vendita diretta “schedate” dalla guida online.  
12 si trovano su suolo massese, 10 su Carrara, 4 su Montignoso, ed il restante è suddiviso nei Comuni della Lunigiana. 15 producono olio, una trentina vino (Candia, Toscano Rosso, Igt Val di Magra, Colli di Luni), una decina frutta e verdura. Poi ancora, 5 i formaggi, 25 il miele della Lunigiana Dop e il Toscano, e prodotti biologici  – 83 sono le aziende bio totali secondo i dati Arsia in Provincia – ma solo 10 vendono direttamente. Una localizzazione che permettere di fare pochi chilometri e di andare a fare la spesa, per il cenone, e non, nell’azienda agricola vicina con risparmi, su certi prodotti, anche fino al 30%. Due imprese agricole su tre di quelle presenti utilizzano per vendere locali adattati all’interno dell’azienda mentre il 14 per cento dispone di un vero negozio aziendale mentre ben il 24 per cento partecipa a mercati e fiere locali molto diffusi nel periodo delle festività. Massa e Carrara sono la capitale della vendita diretta del vino: troviamo Cima, Della Tommasina, il Tino, La Bura, Pucci in Via Vacca’, Bigarani in Via dell’Uva sulle colline massesi, Castagnini, Montegreco, Giorgio Michela, Vin.Ca a Carrara, ma anche miele “toscano”  e della Lunigiana con Franco Sarto, Lucia Belli a Pariana, l’Apicoltura Toscano Angelo ad Avenza e Antoniotti Nicola in Via Cavour. Per trovare un po’ di erbe selvatiche basta spostarsi su Montignoso, c’è l’azienda Karma che confeziona anche confetture. Ma è la Lunigiana la terra delle opportunità. Per confezionare il cenone è il posto giusto: dalla carne chianina con Tognoli a Fivizzano, in località Coccoma a Gragnana, a cui si può abbinare olio extra vergine e prodotti bio, ai salumi di cinta senese dello Spino Fiorito a Casola dove si può acquistare anche confetture, formaggi, e persino grappa per il “dopo” abbuffata. Per aggiungere un tocco di originalità al menu farina di castagne (La Fontanina a Fivizzano e Montagna Verde a Licciana tanto per fare due esempi che hanno anche funghi.
E per condimenti e “vegetariani” ortaggi con Ca’ del Sasso a Bagnone, Pow Wow ad Aulla, Ca’ der Moretto a Fosdinovo (ottime le patate), Poggio Aurora a Fosdinovo. Le opportunità sono tante basta trovarle. “Si tratta – sottolinea Vincenzo Tongiani, Presidente Provinciale della Coldiretti – di una risposta alla necessità di combattere i rincari provocati dal mix esplosivo dello sciopero dei Tir concomitante con l’arrivo del Natale e delle festiità al quale si sono aggiunti gli effetti del maltempo e del gelo sulle speculazioni. Una risposta che la nostra organizzazione vuole dare al consumatore sfruttando la filiera corta, ed in questo caso è cortissima”. In generale in Italia, ed anche in Toscana, c’è un numero crescente di consumatori che vuole risparmiare e acquistare prodotti freschi, naturali, del territorio, che non devono percorrere grandi distanze con mezzi inquinanti e subire i lunghi tempi di trasporto prima di giungere sulle tavole. “Molte aziende stanno convertendosi. Nel giro di qualche anno le aziende che vanno vendita diretta saranno raddoppiate perché è davvero una grande opportunità sia per l’imprenditore agricolo, sia per il consumatore che può trovare prodotti freschi, nostrati, a prezzi ottimi”. L’iniziativa, promossa dalla Coldiretti garantirà un accesso libero e gratuito per tutto il periodo delle festività di fine anno  per consentire risparmi “doc” negli acquisti per cenoni e regali enogastronomici rispettosi della tradizione. Con un semplice click sul sito www.campagnamica.it con il motore di ricerca “In viaggio per Fattorie e Cantine” sarà possibile individuare le fattorie del proprio comune, provincia o regione la piu’ ampia gamma di aziende agricole che vendono direttamente selezionando anche le categorie di prodotto desiderate ed eventualmente anche le specialità garantite da marchio. Un servizio che si affiancherà, nell’anno nuovo, al nuovo portale provinciale della Coldiretti che fungerà da interfaccia “virtuale” tra l’organizzazione e le aziende locali consultabile su www.massacarrara.coldiretti.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here