Home Cronaca Cronaca Imperia

Caos Ventimiglia, poliziotti e carabinieri aggrediti e feriti da migranti che sfasciano il Commissariato

48
CONDIVIDI
Stazione Ventimiglia: il poliziotto che era finito nel mirino dei buonisti solo perché aveva fatto il suo dovere

IMPERIA. 2 AGO. Sfasciano la sede del Commissariato di polizia, aggrediscono e feriscono gli agenti e i carabinieri, ma non fanno neanche un giorno di galera. Però, dovrebbero essere espulsi e rimpatriati al loro Paese.

Non è la prima volta che accade a Ventimiglia perché già nel febbraio scorso sei nordafricani avevano devastato il posto di polizia situato nella città di confine.

Stavolta, i protagonisti del violento episodio sono sette africani, in prevalenza sudanesi, riacchiappati dalla Gendarmerie in territorio francese e rispediti in Italia.


Quando i migranti hanno saputo che sarebbero stati caricati su un pullman per essere trasferiti al centro di accoglienza di Taranto, hanno cominciato a dare in escandescenze e hanno praticamente devastato la sede del Commissariato danneggiando il telaio della finestra antisfondamento e il telaio della porta blindata di accesso al salone.

Inoltre, quando le forze dell’ordine sono intervenute per riportarli alla calma, anziché piantarla lì hanno aggredito e ferito due agenti di polizia e due carabinieri.

I sette africani sono stati quindi arrestati con le accuse di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.

Processati stamane per direttissima in Tribunale ad Imperia, i violenti hanno patteggiato e ottenuto la sospensione della pena. Per tutti è stato disposto il trasferimento in un CIE.

Allontanati dal nostro territorio con un decreto di espulsione, ma se il rimpatrio non andrà a buon fine saranno sostanzialmente liberi di ritornarci per poi tentare di oltrepassare di nuovo illegalmente il confine con la Francia.

http://www.ligurianotizie.it/stazione-invasa-da-migranti-e-divieti-per-tutti-poliziotto-razzista-fa-rispettare-le-regole/2017/07/24/255056/

 

 

 

48 COMMENTI

  1. Volete il nostro supporto..volete il supporto dei cittadini..
    ALLORA TOGLIETEVI I CASCHI E VENITE DA QUESTA PARTE…
    NO ..CHE POI ALLE MANIFESTAZIONI SU ORDINE DI PREFETTO E QUESTORE CI RANDELLATE…!!!
    VI MENANO ..FANNO …..QUESTO È IL VOSTRO STATO..LO STATO CHE PROTEGGETE…!!!!

  2. Come mai queste Intemperanze ed Eccessi,non li hanno fatti con la Gendarmerie Nationale, In fin dei conti li stavano rispedendo in Italia? Perché quelli prima ti rompono le corna,poi iniziano a farti le domande.!!!!!!!!!

  3. Grazie al Partito Democratico siamo diventati il paese zimbello d’Europa e non ci rispetta più nessuno. E i fancazzisti sono liberi di fare ciò che vogliono. Vi invito a leggere i loro giudizi nei nostri confronti nei loro profili social. Il sangue ti bolle e diventa verde!!!!!

  4. Gli emigranti non hanno colpa sono venuti dalla giungla chi la portati che ha interessi i trafficanti umani e i governanti grandi uomini Italiani e Europei gente aprite gli occhi!!!!

    • Da anni che lo diciamo ma un conto è dirlo un conto è farlo.
      Non tutti però sono immigranti regolari molti sono stati liberati dalle loro carceri per venire in Italia e sui barconi fanno massacri di gente che dalla guerra ci scappa .
      Questo è un problema che l’Italia non può assumersi la responsabilità ma la nazione di partenza il problema è ancora un’altro……per parlare con la loro nazione come si fa???? Nazione governata da minimo 7 o 8 tribù in lotta tra di loro e come si fa a metterli d’accordo….? 🙂

  5. Ruth Kenfe sappiamo tutti (o lo sanno e fanno finta di non capire) che il traffico di migranti con l’unico scopo di far soldi, è voluto dal governo italiano “illegittimo”!
    E per questo noi italiani dobbiamo sopportare ogni tipo di comportamento da parte di “questa gente” totalmente tutelati!
    Purtroppo anche le forze dell’ ordine devono “subire” senza la minima possibilità di difendersi perché hanno le mani legate (eppure padri di famiglia o madri o ragazzi/e che non “vivono” meglio di un operaio italiano) ma, sai la vera ragione quale è?
    Se reagissero loro si unirebbero molte ma, molte persone “arrabbiate” e… beh! Diciamo che la situazione non sarebbe più sotto controllo e scoppierebbe l’ inevitabile e una reazione a catena in tutta italia!
    Quindi “questa gente” venuti dalla giungla come dici tu si sentono, liberi e tutelati nel manifestare pesantemente e rivoltarsi!
    Ci ritroviamo per lo più clandestini, candidati al terrorismo, stupratori, assassini, spacciatori, non schedati, senza un certificato medico e certificato di vaccinazione, questo vuol dire che siamo soggetti ad essere contagiati da malattie, da noi debellate anni e anni fa, come ad esempio scabbia e TBC!
    Ma, non è corretto, educato chiedere a “queste persone” tali certificazioni però è obbligatorio chiederlo (giustamente e ovvio) a noi italiani!
    Sono le 6 di mattina per cui non sono in carica al 100% per rispondere come vorrei e sono stata “molto educata”!

  6. Randellate? Nel loro paese africano d’origine, qualunque esso sia, avessero dato una cosa del genere sarebbero già senza un braccio o un piede se non peggio. Mentre qui, poverini sono già fuori. Non sono integrati. Però loro capiscono solo la legge del taglione e le botte, ma quelle pesanti. Per il resto le chiacchiere stanno a zero

  7. cari poliziotti prendetevela con noi se protestiamo ….vi sta bene! siete dei cani da guardia feroci con gli onesti e mansueti con chi vi assale vi sputa e vi offende ! ma non avete colpa, eseguite gli ordini, ,ma non pensate che sia tutto SBAGLIATO non vi viene il dubbio ???????????

  8. Non si capisce perché” la cittadinanza forze dell’ordine ordine comprese debbano subire i comportamenti dei violenti maleducati e pericolosi ma sopratutto senza che vengano acchiappare e sbattuti in una buia stiva polverosa è piena di ruggine a pane e acqua e quando piena spediti in un pezzo di costa sperduto della Libia, scesi a pedate e calci ….. poco importa ma Cque fuori dai nostri confini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here