Caos immigrati, Toti: Ventimiglia è prova che Renzi sbaglia

10
CONDIVIDI
Il governatore ligure Giovanni Toti con la vicepresidente Sonia Viale e Matteo Salvini

GENOVA. 13 SET. “A neanche 24 ore dalla firma della Carta di Genova con proposte di buon senso al governo per la gestione dei migranti, già ci troviamo ad affrontare un’altra emergenza. Ventimiglia è la dimostrazione che siamo molto lontani dalla risoluzione del problema e, anzi, con il passare dei giorni la situazione è tornata ad aggravarsi. Le nostre richieste non possono rimanere inascoltate”.

Lo ha dichiarato oggi il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in merito ai nuovi arrivi, circa 200 negli ultimi due giorni, nel centro di accoglienza temporaneo allestito al Parco Roja di Ventimiglia, dove sono stati richiesti rinforzi della Croce Rossa.

“Il documento elaborato e condiviso ieri durante l’incontro trilaterale tra i governatori Toti, Maroni e Zaia – ha aggiunto la vicepresidente e assessora regionale alla Sicurezza e all’Immigrazione Sonia Viale – contiene anche la richiesta al governo di soluzioni ad hoc per le regioni di confine, a dimostrazione che le nostre sono proposte concrete e che vanno incontro a specifiche richieste dei territori. Su Ventimiglia la nostra attenzione resta alta, visti gli arrivi senza sosta di immigrati nel nostro Paese che hanno già raggiunto quota 123mila nel 2016, superando il dato complessivo del 2015”.

 

 

10 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO