Caos immigrati, a Principe la Polfer identifica altri 50 clandestini

2
CONDIVIDI
Una protesta di immigrati e No Borders delle scorse settimane a Ventimiglia: respinti
Un centinaio di attivisti della rete No Borders e altrettanti giovani immigrati clandestini l'altro giorno poco lontano dal confine con la Francia
Un centinaio di attivisti della rete No Borders e altrettanti giovani immigrati clandestini l’altro giorno poco lontano dal confine con la Francia

GENOVA. 3 GIU. Insicurezza, degrado e caos immigrati. La Polfer fa rispettare le leggi e prova a metterci una pezza. Dopo i primi 150 clandestini identificati all’inizio della settimana, ieri gli agenti ne hanno fermati altri 47 alla stazione ferroviaria di Genova Principe.

Gli stranieri sono stati accompagnati negli uffici e in questura per procedere al fotosegnalamento. Dopo le formalità sono stati rilasciati.

I controlli straordinari proseguono anche oggi e continueranno nei prossimi giorni.

 

Lo scopo dell’operazione di polizia è anche quello di scoraggiare gli immigrati a raggiungere Ventimiglia, dove il valico di confine è presidiato da una parte e dell’altra e la situazione è diventata insostenibile per la popolazione.

 

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO