Caos al Gaslini, M5S: Toti intervenga per tutelare piccoli pazienti e lavoratori

3
CONDIVIDI
Il consigliere regionale M5S Marco De Ferrari
Il consigliere regionale M5S Marco De Ferrari
Il consigliere regionale M5S Marco De Ferrari

GENOVA. 28 AGO. L’altro giorno lavoratori e lavoratrici del Gaslini, attraverso l’Unione sindacati di base, hanno segnalato alla giunta Toti disagi, emergenze, problemi per i piccoli pazienti e la pesante situazione lavorativa all’ospedale pediatrico di Quarto.

Oggi il consigliere regionale del M5S Marco De Ferrari si è schierato con loro: “I disagi con cui il personale si trova a fare i conti tutti i giorni sono davvero pesanti. In primis, spicca la grave carenza di organico in vari reparti, tra cui infermieri, OSS, ostetriche. Non funzionano gli impianti di climatizzazione nei reparti di Osservazione, Ostetricia e Chirurgia e, come se non bastasse, non vengono rispettare molte norme di sicurezza.
La situazione diventa ancora più drammatica, considerando gli oltre 130 ricercatori precari in snervante attesa di una collocazione a tempo indeterminato. Ma anche la grave disparità di trattamento economico statale tra le due maggiori strutture italiane con riconosciute caratteristiche di specificità e innovatività nell’assistenza pediatrica: il Gaslini di Genova e il Bambin Gesù di Roma. Una disparità di trattamento che ha pure fatto sghignazzare il cardinal Bertone all’affermazione di Profiti alla Vigilia di Natale del 2013: Roma batte Genova 80 milioni a 5.
Dal 2009, infatti, fu il Governo Berlusconi IV a iniziare l’iter di super foraggiamento che in soli sette anni portò nelle casse della struttura romana circa 600 milioni di euro, lasciando poche briciole per l’istituto genovese.
Lo abbiamo già detto mesi fa, anche attraverso specifiche interrogazioni in aula, e lo ribadiamo con forza oggi: è necessario un immediato intervento della Giunta Regionale a favore del Gaslini di Genova a piena tutela dell’intero personale e dei piccoli pazienti”.