Cantuné ‘furbetto del cartellino’ timbrava ed andava alla Croce, sospeso

0
CONDIVIDI
Cantuné ‘furbetto del cartellino’ timbrava ed andava alla Croce, sospeso

GENOVA. 27 SET. E’ un cantuné di 61 in servizio in piazzale Ortiz a Genova, ma anche il vice presidente della Croce Celeste. Però il volontariato lo faceva durante l’orario di servizio e questo 18 giorni su 19.

Il ‘furbetto del cartellino’ è stato scoperto dai suoi stessi colleghi della municipale che lo hanno attenzionato per circa un mese.

Il gip Franca Borzone ha disposto nei suoi riguardi la misura cautelare dell’interdizione per sei mesi, mentre il pm Federico Manotti aveva invece chiesto gli arresti domiciliari.

 

Secondo le indagini, il vigile andava in ufficio, timbrava e dopo pochi minuti usciva ed andava nella sede della Croce Celeste per prestare servizio di volontariato. Alla fine del turno rientrava al comando e timbrava il cartellino con l’orario di uscita.

Sarebbero oltre cento ore di lavoro che il vigile avrebbe saltato. Il pm lo ha indagato per truffa aggravata e alterazione di dispositivi magnetici.

LASCIA UN COMMENTO