Canottaggio. Genovesi d’oro e d’argento alla Coupé di Szeged

0
CONDIVIDI
Canottaggio. Liguri vittoriosi alla 31^ edizione della Coupé de la Jeunesse
Canottaggio. Liguri vittoriosi alla 31^ edizione della Coupé de la Jeunesse
Canottaggio. Liguri vittoriosi alla 31^ edizione della Coupé de la Jeunesse

GENOVA. 4 AGO. Importante contributo del canottaggio ligure alla causa azzurra nella vittoria della 31^ edizione della Coupé de la Jeunesse, manifestazione internazionale Junior riservata alla partecipazione di dodici nazioni europee.

Sono ben cinque i vogatori genovese, 4 in forza alRowing club genovese e 1 allo Speranza Pra‘, protagonisti a Szeged. Nell’otto maschile doppia vittoria tra ieri e oggi per Alberto Tanghetti (Rowing club genovese) e Matteo Varacca (Speranza Pra‘) assieme ai giovani vogatori di VVF Tomei, Posillipo, Gavirate, Savoia e Varese.

Nel quattro di coppia maschile due argenti per Michele Rebuffo e Giacomo Costa, entrambi tesserati per il Rowing club genovese, assieme a Matteo Spreafico (Varese) e Alessandro Ramoni (Gavirate). Un quarto e un ottavo posto per Sofia Tanghetti (Rowing club genovese) nel 4 di coppia.

 

Per l’otto vittoria domenica davanti al Belgio, complice un ottimo serrate a ulteriore dimostrazione, oltre che di velocità e potenza, anche di buona tenuta già mostrata durante la finale di ieri in cui ad arrendersi per ultima e’ l’Olanda. Sempre terza la Gran Bretagna. Il 4 di coppia si piazza in entrambe le giornate alle spalle dell’Irlanda dando prova di buona coesione e staccando in maniera importante gli altri avversari. Cresce in maniera importante la barca della Tanghetti: con Isabella Mondini e Arianna Bini (Gavirate), con la torinese Silvia Crosio, Sofia passa dall’ottavo posto di sabato al quarto alle spalle di Gran Bretagna, Russia e Polonia.

Soddisfazione, quindi, per gli atleti ed i rispettivi tecnici. I 4 vogatori del Rowing club genovese, seguiti a Szeged dai loro allenatori Giulio Basso e Claudio Bozzano al seguito della spedizione italiana, e Matteo Varacca, allenato da Maurizio Capocci e Giancarlo Paravidino.

LASCIA UN COMMENTO