CAMOGLI: UN FESTIVAL DI ALTO LIVELLO DEDICATO ALLA MUSICA CLASSICA

0
CONDIVIDI

violino1[1]CAMOGLI. 11 GIU. Domenica 14, alle ore 21, il Festival Classica in Paradiso, organizzato per l’ottavo anno consecutivo dal Gruppo Promozione Musicale Golfo Paradiso, avrà come sede il Cenobio dei Dogi di Camogli e come protagonisti cinque grandi musicisti, quattro dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice (Corrado Orlando, primo clarinetto, Giovanni Battista Fabris,

primo violino, Federica Barbali, violino, Riccardo Agosti, primo violoncello), e Giuseppe Mari, prima viola dell’Orchestra dell’Arena di Verona. In programma uno dei massimi capolavori della letteratura musicale cameristica, il Quintetto in Si minore per clarinetto e archi, op. 115 di J. Brahms: fa parte delle sue ultime composizioni, quando già aveva confidato all’ambiente musicale e agli editori di non volere più scrivere.

E invece, nel marzo 1891, incontra e ha modo di ascoltare in un concerto il celebre clarinettista Richard Mühlfeld. Ne rimane folgorato, torna a Vienna, riprende penna, calamaio e pentagramma e scrive in pochi anni il Trio con clarinetto op. 114 (1891), le due Sonate per clarinetto Op. 120 (1894) e appunto il Quintetto per clarinetto Op. 115 (1891): capolavori assoluti della musica da camera. Tali Opere sono ormai considerate punti di riferimento nel repertorio di questo strumento.

 

In particolare il Quintetto op. 115, per la grande varietà e profondità di sentimenti ivi racchiusi, le emozioni che il clarinetto trasmette, il grande lavoro contrappuntistico e gli intrecci dialogici con gli archi, risulta una vera pietra miliare e una sorta di testamento spirituale del compositore di Amburgo, ormai giunto nel pieno della sua maturità compositiva.
400_F_39661645_6YDrdp2pUgbacpQPz4YNJgYODwy5K0wH[1]A completare il programma di domenica sera sarà il Quartetto per archi op. 18 n. 4 di Beethoven: impostato nella tonalità di do minore che, secondo una interpretazione retorica, viene riservata da Beethoven all’esposizione di conflitti drammatici, questo quartetto, privo di un movimento lento, fa succedere un Allegro, uno Scherzo, un Minuetto e un Finale a Rondò.
Il concerto, come tutti quelli del Festival Classica in Paradiso, è ad ingresso gratuito, grazie al sostegno dei Comuni coinvolti. ABov.
Si ricorda che, al termine del concerto sarà possibile cenare con musicisti e organizzatori in un noto ristorante di Recco, a prezzo promozionale. Info: 0185770703 – 338 6026821 – [email protected] – www.gpmusica.info

LASCIA UN COMMENTO