Calvi e Giusto al Passo della Forcella

0
CONDIVIDI
Calvi (a destra) e Giusto
Calvi (a destra) e Giusto

ALBENGA- Mentre il Giro ciclistico d’ Italia trascorre oggi la sua ultima tappa di riposo la Traversata dei Monti Liguri ha invece concluso la sua quarta tappa dal Passo Bocco al Passo della Forcella. “Si è trattato – dice Sergio Giusto uno dei due protagonisti – di una impegnativa tappa di trenta chilometri che ci ha portato al Passo della Forcella uno dei luoghi più spettacolari della Liguria”.

Sta proseguendo duqnue secondo programma la bella iniziativa dei due camminatori albenganesi Daniele Calvi e Sergio Giusto. “Nell’anno dei grandi eventi del Giubileo della Misericordia- ci aveva spiegato alla partenza da Albenga Sergio Giusto- anche una piccola iniziativa come la nostra potrebbe essere l’occasione per riflettere sulle parole del Pontefice circa i gesti della misericordia”.

La traversata dei monti liguri che i due camminatori stanno realizzando segue il tracciato dell’ Alta Via, un percorso mozzafiato di 430 chilometri da Montemarcello ai Balzi Rossi. “La vera gioia è il cammino” è il titolo della loro impresa che è seguita con collegamenti radiofonici da una radio che è da sempre interessata a questo tipo di imprese: TRS Radio che trasmette su 104.800 FM. Con collegamenti telefonici periodici è possibile essere informati sulle vicende che animano l’impresa dei due amici albenganesi ed è possibile seguirli anche sul sito www.trsradio.it

 

“ La fede e l’arte – ci ha spiegato lo stesso Giusto che è un affermato artista- sono due tipi differenti di cammino, ma hanno una cosa molto importante in comune: per entrambe è certamente importante il Fine, ma il percorso stesso per conseguirlo è già di per sé una gioia. Da qui il titolo dato alla nostra piccola avventura: La vera gioa è il cammino. Insomma anche il granello di sabbia contiene la grandezza del Creato”.

La traversata dei monti liguri attraverso l’Alta Via li condurrà dal Parco di Montemarcello fino alle pendici delle Alpi Marittime francesi
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO