Cagliari-Spezia, Di Carlo “Al Sant’Elia dovremo osare per vincere”

0
CONDIVIDI
Di Carlo
Di Carlo
Di Carlo

LA SPEZIA 31 MAR.  Consueta conferenza stampa pre gara per il tecnico aquilotto Mimmo Di Carlo, che in vista della sfida alla capolista Cagliari ha analizzato così il momento del suo Spezia e l’imminente gara del “Sant’Elia”: “Con il Trapani sconfitta immeritata dopo un buon primo tempo, abbiamo pagato a caro prezzo gli episodi sfavorevoli, ma il risultato non ha intaccato le nostre certezze, bensì le ha rafforzate, dimostrandoci quanto sia fondamentale mantenere i ritmi sempre alti e rimanere concentrati per tutta la durata dell’incontro; c’è piena fiducia nei confronti della squadra ed a Cagliari dovremo scendere in campo con la mente libera ed il coraggio di osare. I gol subiti dai siciliani? Colpa di letture sbagliate da parte di tutta la squadra, non demerito di un singolo individuo.

La Serie B è un campionato veramente difficile, da qui alla fine non ci saranno partite semplici, ogni squadra che affronteremo lotterà con le unghie e con i denti per raggiungere il proprio obiettivo, pertanto conteranno i particolari ed il coraggio di mettere in campo tutte le proprie qualità per vincere; non rimprovererò mai i ragazzi per un gesto tecnico sbagliato, ma voglio sempre vedere una squadra che corre e lotta, quello per me è imprescindibile.

Postigo e Nenè verranno con noi in Sardegna, siamo fiduciosi, mentre per Situm servirà almeno un’altra settimana prima di poterlo rivedere in campo; la classifica attuale aiuta a lavorare molto meglio, l’aspetto mentale d’altronde è fondamentale e quando le cose vanno bene i carichi pesano di meno.

 

Cagliari squadra serena per via della classifica, che potrà sfruttare il turno casalingo e l’entusiasmo del momento, ma noi dalla nostra abbiamo le motivazioni e cercheremo di affrontare i rossoblù nel migliore dei modi; Farias, Joao Pedro, Sau, Krajnc e Storari sono calciatori con qualità indiscutibili, ma nel calcio è il collettivo che conta e noi dovremo avere il coraggio di osare, anche perchè lo Spezia che conosco non deve mai temere nessuno.

Quello con cui ho a che fare è un gruppo affiatato, ben conscio del percorso che sta affrontando e dove tutti si sentono parte del progetto, pertanto i diversi diffidati non sono un problema, l’importante, a prescindere da chi scenderà in campo, sarà non farsi prendere dall’ansia e togliere all’avversario spazio e tempi di gioco.

La Primavera? Complimenti alla Società, a mister Gallo, al suo staff e a tutti i giovani che nella Viareggio Cup hanno fatto vedere davvero grandi cose; Okereke e Antezza si allenano stabilmente con noi, ma oltre a loro sono diversi i giovani interessanti, tra cui Maggiore, l’importante per loro sarà non perdere l’entusiasmo e rimanere sempre umili e desiderosi di crescere, cercando di non farsi abbattere da pressioni e delusioni. L’esordio? Nulla è impossibile, ma ricordiamo che abbiamo una rosa molto ampia dove, ad esempio, scalpitano calciatori esperti come Juande, pertanto ogni cosa avverrà a tempo debito”.
NEWS

LASCIA UN COMMENTO