Home Spettacolo Spettacolo Genova

Bruno Bavota in “Out of the Blue” ai Giardini Luzzati


0
CONDIVIDI
Bruno Bavota in “Out of the Blue” ai Giardini Luzzati


GENOVA. 7 DIC. Venerdì 9 Dicembre 2016 ore 21,30 ai Giardini Luzzati è in programma il concerto “Out of the Blue” di Bruno Bavota, pianista napoletano il cui amore per la musica è arrivato a vent’anni. Qualche anno dopo scoprirà il pianoforte, le cui corde sostituiscono quelle del suo cuore, condividendo la sua canzone d’amore al mondo. Bavota è un rappresentante di primo piano della scena modern classical italiana. Spazia tra i territori modern classic, il “pop pianistico” di artisti come Glass, Nyman, Sakamoto, Einaudi.

Il 22 dicembre del 2010 ha pubblicato il suo primo album, autoprodotto, “Il Pozzo d’Amor”. Il 10 marzo del 2013 ha pubblicato il suo secondo album “La casa sulla Luna” per l’etichetta italiana Lizard. L’uscita del disco è messa in risalto con un concerto il 2 aprile dello stesso anno presso la storica Royal Albert Hall di Londra. Contemporaneamente alle sue performance al festival Iceland Airwaves nel novembre del 2013, inizia le registrazioni del suo terzo album “The secret of the Sea”, pubblicato il 21 aprile 2014 per l’etichetta irlandese Psychonavigation. Dopo l’uscita del suo ultimo album “Mediterraneo” ha suonato in molte parti del mondo (Italia, Francia, Germania, Belgio, Olanda, Regno Unito, Svizzera, Islanda, Lettonia e Giappone) con concerti sold out in Russia ed Ucraina.

Il 30 settembre è uscito il suo quinto disco pubblicato dall’etichetta americana Sono Luminus.
Infine “Out Of The Blue”, il disco della maturità di un artista delicato che vede il pianoforte come guida, ma che ama interagire con chitarra, archi ed elettronica. Il brano “If Only My Heart Were Wide Like The Sea” è entrato a far parte della colonna sonora della serie TV Sky “The Young Pope” di Paolo Sorrentino e ha trovato speciale menzione nella rivista Rolling Stones.


FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here