Bombe d’acqua nello spezzino: Regione non ne azzecca una

2
CONDIVIDI
Bombe d'acqua e temporali nello spezzino, il presidente della Provincia: sistema regionale non ne azzecca una
Bombe d'acqua e temporali nello spezzino, il presidente della Provincia: sistema regionale non ne azzecca una
Bombe d’acqua e temporali nello spezzino, il presidente della Provincia: sistema regionale non ne azzecca una

LA SPEZIA.14 GIU. Niente allerte, neppure per quelli di Arcola e degli altri comuni dello spezzino. Colpiti nel 2010, bombardati ancora una volta ed abbandonati a loro stessi nel 2016.

“Degli ultimi quattro eventi meteorologici che hanno interessato lo spezzino, il servizio di allerta della Regione Liguria non ne ha azzeccato uno” ha affermato oggi, in sintesi, il sindaco di La Spezia e presidente della Provincia Massimo Federici, dopo le bombe d’acqua che nella notte hanno colpito il territorio del levante ligure.

A La Spezia, ha continuato Federici, si è assistito a un’allerta di colore giallo senza una goccia d’acqua, arancio che poi si è rivelato un flebile giallo, giallo che era invece un violento rosso e in ultimo per il nubifragio più disastroso, quello di queste ore, a neppure un cenno di preavviso.

 

Federici, il quale in effetti non ha mai voluto speculare su queste cose e si rende conto che la meteorologia non è una scienza perfetta, ha aggiunto però che occorre riflettere per rivedere il (mal) funzionamento del sistema regionale.

L’assessore comunale di Arcola Andrea Spinetti ha spiegato che la situazione è grave e non ci sono sfolalti, soltanto perché chi è stato costretto ad abbandonare la casa ha trovato rifugio da amici e parenti.

Arpal oggi ha replicato: “La modellistica di ieri, e le conseguenti previsioni, indicavano la possibilità di rovesci moderati e tutti gli indici considerati non davano luogo all’emanazione dell’allerta per temporali, che scatta solo in presenza di alta probabilità di fenomeni forti”.

Appunto.

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO