Bolzaneto, sinti arrestato: scena muta dal gip e niente scuse

17
CONDIVIDI
Il campo nomadi a Bolzaneto
Il campo nomadi a Bolzaneto, dove l'altro giorno i carabinieri hanno arrestato il sinti violento
Il campo nomadi a Bolzaneto, dove l’altro giorno i carabinieri hanno arrestato il sinti violento

GENOVA.8 FEB. Il sinti 21enne, arrestato l’altro giorno per lesioni gravissime e accusato di avere massacrato il pensionato genovese al casello di Bolzaneto il 6 gennaio scorso insieme ad altri nomadi, oggi si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al gip e al pm durante l’interrogatorio di garanzia. Il pensionato fu ricoverato in fin di vita. Il giovane ha fatto scena muta e non ha neppure chiesto scusa.

Nell’ambito dell’indagine dei carabinieri, sono stati denunciati complessivamente cinque nomadi, fra cui due donne per favoreggiamento. Gli investigatori stanno dando la caccia ad altri due zingari, che hanno partecipato al violento pestaggio per futili motivi di viabilità.

17 COMMENTI

  1. non posso giudicare se sia colpevole o meno…questo spetta alla magistratura ma…la facoltà di non rispondere deve sparire dal nostro ordinamento giuridico . Sei accusato di qualcosa? se vuoi cerchi di discolparti, altrimenti ti ritengo colpevole . Ma stiamo scherzando? se uno è innocente non avrà problemi a dire dove e con chi era nel momento del reato ascrittogli….o sbaglio?

LASCIA UN COMMENTO