Bologna-Genoa, Juric “Imponiamo la nostra mentalità”

0
CONDIVIDI
Juric

GENOVA 1 OTT.  In casa o in trasferta con la stessa mentalità. Con il rispetto dovuto al valore degli avversari, ma con la voglia di giocare con lo spirito Genoa, per fare la partita e stringere i denti nei momenti di sofferenza. Alla vigilia del match con il Bologna quarto in classifica, l’incipit che il tecnico Ivan Juric consegna ai suoi è limpido come acqua di ruscello. “C’è un po’ di rammarico per la partita disputata con il Pescara. E’ normale che ti manchino i due punti, ma penso che la squadra si sia allenata bene in settimana e sia pronta ad affrontare questa gara. Il Bologna sta bene. Ha gamba nei tre a centrocampo che viaggiano alla grande. Davanti hanno giocatori di qualità e molto forti. Noi vogliamo fare la nostra partita sapendo che loro sono bravi. Non individuo nella difesa il loro punto debole. Hanno subito tanti gol solo a Torino in situazioni per certi versi singolari. Il Bologna non è una squadra che subisce”.
La vigilia è giornata dedicata alla conta, c’è chi c’è e c’è chi resta a casa. “Biraschi ha un fastidio e alla fine non è stato convocato. Ninkovic è una soluzione a gara in corso, sta crescendo e si è messo a disposizione. E’ un giocatore atipico un ambidestro. Gioca Gakpé e non è una soluzione di ripiego, mentre in difesa sia con Gentiletti che con Orban sono tranquillo, pure se hanno caratteristiche differenti. Sono contento di entrambi. Orban sta lavorando alla grande, deve ancora capire perfettamente il gioco. Vanno bene tutti e due. Il recupero di Veloso è importante perché sa giocare a calcio e fisicamente sta dando un contributo importante. Con Simeone in attacco puoi cercare la profondità, attacca gli spazi e ci siamo preparati per questo. Le espulsioni? Sono stati errori gravi da parte dei miei. Dobbiamo mantenere la concentrazione e non cadere in questi aspetti. In trasferta abbiamo fatto delle prestazioni positive sotto il profilo della personalità”.

LASCIA UN COMMENTO