Blueprint, siglata convenzione tra Comune, Autorità Portuale e Spim

0
CONDIVIDI
Il Blue Print presentato da Renzo Piano
Il Blueprint presentato da Renzo Piano
Il Blueprint presentato da Renzo Piano

GENOVA. 7 GIU. Questa mattina è stata firmata a Palazzo San Giorgio dal sindaco di Genova, Marco Doria, dal commissario all’Autorità portuale, ammiraglio Giovanni Pettorino e dal presidente della società Spim, Stefano Franciolini, una convenzione in tema di Blueprint.

Con il Blueprint secondo il progetto di Renzo Piano, si vuole ridisegnare il waterfront portuale e urbano dalla zona delle riparazioni navali a piazzale Kennedy.

“L’integrazione/completamento di Porto Antico – è scritto nella Convenzione – coincide, per il lato levante, con il riassetto della Fiera e delle riparazioni navali, previa intesa tra Comune di Genova e Autorità Portuale al fine di definire l’obiettivo di lungo periodo della riconversione per usi urbani di calata Gadda e calata Boccardo, ambito che è anche direttamente interessato dal progetto del tunnel sub portuale”.

 

Al contempo, il Comune sta predisponendo, d’intesa con Spim, il bando di concorso progettuale internazionale per le aree di proprietà comunale.

Comune, Autorità portuale e Spim, in base alla Convenzione, lavoreranno insieme, attorno ad alcuni dei principali nodi urbanistici.

Si parla della viabilità di servizio al distretto delle costruzioni e riparazioni navali; della viabilità urbana di connessione tra le aree del Porto Antico e Piazzale Kennedy; della possibilità di realizzazione di percorsi ciclo/pedonali di collegamento tra le aree del Porto Antico e Piazzale Kennedy; della sistemazione del fronte banchina in relazione ai nuovi canali d’acqua indicati nel Blue Print.

Ed ancora della sistemazione dello specchio acqueo del porticciolo Duca degli Abruzzi/Calata Marconi; della ricollocazione dei circoli sportivi ad oggi situati negli spazi di Molo Giano/Calata Marconi/porticciolo Duca degli Abruzzi, nelle darsene prospicienti il comparto fieristico, ovvero lungo i nuovi canali d’acqua.

Nella Convenzione, siglata questa mattina, si richiamano gli atti compiuti dal Comune, dall’Autorità portuale e dalla Spim “quale società partecipata del Comune idonea ad avviare il processo di valorizzazione degli immobili non più funzionali all’attività fieristica”, oltre alla volontà espressa da Regione Liguria, Comune di Genova e Autorità portuale, di “sviluppare ed armonizzare le funzioni industriali e urbane presenti nell’area di levante del Porto di Genova”.

A proposito degli strumenti urbanistici la Convenzione riporta quanto previsto dal Puc per il distretto di trasformazione n. 20 “Fiera Kennedy” e lo scenario indicato nel nuovo Piano regolatore portuale che acquisisce le “idee di sviluppo proposte nel Blueprint”.

“La firma di questa convenzione di lavoro – ha dichiarato il sindaco Marco Doria – conferma la volontà condivisa tra enti diversi di rendere concretamente realizzabile il Blueprint, risolvendo tutti i nodi urbanistici. Tra breve il Comune, insieme a Spim, lancerà il concorso internazionale per la progettazione, entro le linee del Blueprint, delle aree di proprietà comunale. Non chiederemo solo idee progettuali ma anche piani di fattibilità finanziaria. E intanto potremo utilizzare, per la predisposizione delle aree i 15 milioni stanziati dal Governo”.

“Con la firma di oggi – ha dichiarato l’ammiraglio Giovanni Pettorino – si concretizza un altro passo in avanti verso la realizzazione del grande progetto di Renzo Piano”.

“Grande soddisfazione per il positivo coinvolgimento delle istituzioni che ribadiscono l’intento comune di portare a compimento il Blueprint”, è stata espressa anche dal presidente di Spim, Stefano Franciolini.

LASCIA UN COMMENTO