Bergeggi, tartaruga d’acqua dolce nuota in mare: salvata

0
CONDIVIDI
A Bergeggi tartaruga d’acqua dolce nuota in mare e viene salvata

SAVONA. 10 SET. Ha subito pensato a chissà quale animale marino gli stesse nuotando vicino ma poi si è accorto che era una grossa tartaruga d’acqua dolce (specie orecchie gialle) e l’ha quindi salvata e portata a riva.

E’ accaduto al largo della spiaggia libera di Bergeggi ad un turista, che ha poi chiamato i volontari della Protezione Animali per il recupero.

Spesso, dopo un nubifragio, tartarughe d’acqua che si trovano nei giardini ai margini dei torrenti genovesi, vengono trascinate in mare e le correnti le portano sulla costa savonese, tra Varazze e Spotorno, dove poi i volontari dell’Enpa recuperano quelle sopravvissute e spiaggiate.

 

Ma in assenza di recenti perturbazioni, l’unica spiegazione è che l’animale sia stato abbandonato, forse addirittura gettato in acqua, dal solito individuo che non aveva più voglia di tenerla perché troppo cresciuta; particolare inquietante è che è molto alta, segno che ha vissuto a lungo in uno spazio ristretto, subendo quindi gravi e prolungati maltrattamenti.

Ora l’Enpa cerca per lei una migliore sistemazione nell’idoneo laghetto del giardino di una casa di campagna e spera che qualcuno si faccia vivo per adottarla; è ricoverata presso la sede di Savona in via Cavour 48 r, dove la si potrà vedere da lunedì a sabato, dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, telefono 019 824735.

Si tratta di animali esotici d’allevamento, originari delle paludi delle Everglades americane, liberamente venduti ovunque malgrado l’Enpa savonese ne chieda ai comuni il divieto, proprio perché molti finiscono abbandonati in campagne e corsi d’acqua dove o muoiono o sopravvivono cibandosi dei pesci e della piccola fauna acquatica con gravi danni per l’ambiente.

L’associazione continua ad invitare le persone che desiderano un animale a non comprare mai soggetti esotici, sia d’allevamento che originari perché vittime di un traffico con volume d’affari inferiore solo a quelli di armi e droga e ad un’altissima mortalità durante la cattura ed il trasporto.

LASCIA UN COMMENTO