Belpietro su 81enne incarcerato da giudici genovesi: “Stato bullo”

9
CONDIVIDI
Il direttore di Libero Maurizio Belpietro in un editoriale prende spunto dal caso di Genova, dove un 81enne è stato rinchiuso in carcere solo per oltraggio a pubblico ufficiale: "Stato bullo"
Il direttore di Libero Maurizio Belpietro in un editoriale prende spunto dal caso di Genova, dove un 81enne è stato rinchiuso in carcere solo  per oltraggio a pubblico ufficiale: "Stato bullo"
Il direttore di Libero Maurizio Belpietro in un editoriale prende spunto dal caso di Genova, dove un 81enne è stato rinchiuso in carcere solo per oltraggio a pubblico ufficiale: “Stato bullo”

GENOVA. 26 FEB. Giudici forti con i deboli e deboli con i forti. Il caso dell’81enne, che a Genova è stato rinchiuso in galera solo per oltraggio a pubblico ufficiale, ha sollevato l’indignazione del popolo del web e ha fatto il giro sui mass media locali e nazionali. Molti cittadini si chiedono se taluna componente della magistratura svolge bene il suo lavoro, applicando la legge nell’effettivo interesse della popolazione, ma nessun rappresentante dei magistrati finora ha avuto il coraggio di replicare.

Il video, condiviso e postato l’altro giorno su Facebook da Guglielmo Bonanno, in cui si vede la vivace protesta dell’81enne nei confronti dei vigili urbani, ha raggiunto quasi due milioni di visualizzazioni.

Dopo l’anticipazione della storia pubblicata quattro giorni fa da Liguria Notizie e la successiva sollevazione popolare sul web da parte di una valanga di cittadini, gli esponenti della politica locale e nazionale sono rimasti altrettanto zitti come i magistrati.

 

Il fatto, però, è stato ripreso e raccontato da molte prestigiose testate giornalistiche come agenzia Ansa, Agi, La Repubblica, Il Secolo XIX, La Stampa, Corriere della Sera, Il Giornale, Rai, Mediaset.

Il quotidiano Libero oggi ha pubblicato un editoriale firmato dal direttore Maurizio Belpietro. L’articolo del popolare giornalista è intitolato: «La vergogna dello Stato che mette in galera un povero ottantenne». Belpietro ha preso spunto anche dal caso di Genova per dimostrare l’arroganza e limitatezza di uno «Stato bullo che se la prende con un ottantenne». Fabrizio Graffione

 

9 COMMENTI

  1. Purtroppo non riesco ancora a concepire. Ho visto il video, a meno che, pare l’auto dell’anziano stazionasse dinanzi ad una Farmacia. Si dovrebbe capire se la farmacia non fosse collegata a qualche magistrato. Altra spiegazione non la trovo.

    • Ma hai visto anche quodo urlava ” fannullone ” ai carabinieri che li avevano dato la multa…sfido chiunque che per un ategiammento offensivo simile verso un pubblico ufficiale , tutti vengono condannati con il carcere.

    • Crocco Carmine hahaha, per questo che la maggior parte dei carcerati in Italia sono stranieri, nonostante Italia è uno dei paesi più coroti di Europa e con un numero di evazori fiscali degni del terzo mondo…per non parlare di mafia che c’è d’apertutto 😃😃😃

  2. Ma quale magistrato,non travisiamo le cose porca miseria,la farmacia paga il passo carrabile per tenere l ingresso libero per chi magari è disabile e lui ha messo il sedere del furgone,dico furgone non auto perché le auto se non sei residente non puoi entrare,davanti all ingresso.In questa italietta bisogna creare un caso per tutto.Era stato condannato per 17 giorni per calunnia o per qualcosa di simile ai domiciliari e lui ha contravvenuto alle regole.Il filmato è di cinque anni fa era estate .

  3. Ho la chiara sensazione che qui si travisano i fatti con dolo. Bisogna dire i fatti come stanno, come li ho letti sui vari media. L’anziano non è andato in galera perchè condannato per oltraggio a seguito del suo comportamento nei confronti di vigili a seguito di una multa per divieto di sosta, per il cui comportamento era semplicemente obbligato alla firma presso un posto di Polizia. Quando ha mancato a quest’ultima prescrizione è stato arrestato dai Carabinieri. Qui i punti sono due o uno per il fatto di essere anziano può fare quello che vuole specialmente in materia penale oppure le leggi valgono per tutti. E Belpietro col suo editoriale non mi sembra stare con lo Stato.

  4. Premesso che il giudice potrebbe aver usurpato quel ruolo xchè non in possesso di mandato (già scaduto, che avvocato dovrebbe controllare), chi in uno stato di diritto si farebbe giudicare da in un avvocato che viene investito del ruolo giudicante, senza averne il titolo? Bisognerebbe sapere a chiare lettere che quello non è un giudice, e questo l’imbroglio!

LASCIA UN COMMENTO