Belpietro: ma bastardi è sostantivo

0
CONDIVIDI
Per Parigi #notinmyname
"Non in mio nome" replicano i musulmani alla strage di matrice islamista di Parigi
“Non in mio nome” replicano alcuni musulmani alla strage di matrice islamica di Parigi

GENOVA. 15 NOV. “Noi abbiamo scritto: Bastardi (sostantivo) islamici (aggettivo). La lingua italiana è chiara, non lo è solo per chi è in malafede e non vuole vedere la realtà”. E’ bufera anche a Genova e in Liguria per il titolo di  Maurizio Belpietro, che oggi replica su “Libero”. Nei commenti online, nelle piazze unite per dire no al terrorismo islamico e nei locali del sabato sera, c’è chi si è schierato contro e chi a favore della scelta del direttore, il quale è stato perfino querelato per istigazione all’odio. Se in Italia accade anche questo, a Milano ieri e stamane sono arrivate minacce in redazione.

Dicono alcuni genovesi: “Avrebbe potuto scrivere Bastardi Jihadisti. Gli islamici e i loro amici non si sarebbero sentiti offesi”. “Sbagliato fare di un’erba un fascio”. “Belpietro con quel titolo fomenta l’odio”. “Una scelta che ha il sapore di sciacallaggio”. “Questo non è giornalismo. E’ barbarie come quella dei terroristi”.

“I terroristi sono dei bastardi. E’ ancora poco”. “Chi inorridisce per il titolo ha poco sale in zucca”. “Purtroppo sfugge a molti la parte sana e pacifica dei musulmani”. “Bisogna smetterla di fare i stupidamente corretti”. “Non scordiamoci che è in atto una guerra e per loro noi siamo tutti infedeli”.

 

“La scorsa notte – ammette Belpietro – la rabbia e l’orgoglio ci hanno fatto fare un titolo che colpisce e in molti ci hanno criticato. «Bastardi islamici». È come se un cattolico uccidesse delle persone e qualcuno scrivesse bastardi cattolici, ci è stato obiettato. Non tutti gli islamici sono terroristi, non tutti i cattolici sono persone pacifiche. Vero. Ma noi non abbiamo scritto che tutti gli islamici sono terroristi, né lo abbiamo pensato. Abbiamo scritto che gli assassini di Parigi sono islamici. Lo hanno detto loro mentre uccidevano. Certo, avremmo potuto scrivere «Ecco i figli dell’islam» o «Ecco i figli islamici». Ma allora sì che sarebbe stato generico. Ma se si sostiene che c’è un islam buono e uno cattivo, nulla di meglio che scrivere «Figli illegittimi dell’islam». Perché allora non lo avete fatto così il titolo? Perché «Bastardi» ha in più un senso di disprezzo, perché chi uccide dei civili inermi è da disprezzare”.

“Ciò detto – aggiunge Belpietro – c’è qualche cosa che non va, qualche cosa di non scritto che forse di fronte ai morti di Parigi è bene che scriviamo. Mentre i terroristi uccidono uomini, donne e bambini, noi ci facciamo scrupolo di dire che si tratta di terrorismo islamico. Nominare l’islam a proposito delle stragi sembra offensivo, tanto che perfino un collega solitamente misurato come Ferruccio De Bortoli è stato redarguito su Twitter per aver scritto un messaggino a proposito della minaccia islamica. Sembra Belpietro, gli hanno scritto”. Fabrizio Graffione

 

LASCIA UN COMMENTO