Home Cronaca Cronaca Genova

Beffa centro migranti Multedo, blocco casello Pegli: A10 in tilt

20
CONDIVIDI
Beffa centro migranti Multedo, casello A10 di Pegli in tilt

GENOVA. 29 SET. Gli abitanti di Multedo non ci stanno e scendono di nuovo in piazza contro il business immigrati. Si sentono presi in giro e non vogliono il centro di accoglienza nel loro quartiere. Così oggi pomeriggio hanno mandato in tilt la circolazione camminando a rallentatore sulle strisce pedonali di via Reggio e dintorni, provocando di fatto un blocco della viabilità.

Intorno alle 17.30 si è quindi paralizzato il traffico in entrata ed uscita al casello autostradale di Genova Pegli, generando anche code sull’A10. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polstrada, che hanno deviato i veicoli verso i caselli di Voltri ed Aeroporto.

Proprio ieri una delegazione di abitanti del comitato di Multedo aveva incontrato la prefetta Fiamma Spena, la quale, pur promettendo controlli da parte delle forze dell’ordine, aveva ribadito ai residenti, del tutto contrari, che il centro di accoglienza invece si farà.


L’insediamento di 50 africani nell’ex asilo Govone a Multedo, di proprietà della Curia, è slittato di qualche giorno ed è previsto per la prossima settimana.

La decisione è stata assunta dalla Prefettura in collaborazione con la Curia, che in un primo momento avevano mantenuta segreta la scelta dell’edificio in via delle Ripe, per gli abitanti “una strada senza vie di fuga, male illuminata ed inidonea ad ospitare un centro per 50 migranti”.

Matteo Salvini domenica sarà a Genova per tenere un comizio alla Zena Fest in piazza della Vittoria e “se necessario” andrà anche a Multedo per sostenere le istanze degli abitanti.

Dopo l’intervento di ieri del segretario della Lega Nord Liguria, Edoardo Rixi, oggi il gruppo comunale del Carroccio ha annunciato che martedì sarà presentato a Tursi un ordine del giorno contro il business immigrati ed il centro di accoglienza a Multedo.

“Il gruppo consiliare Lega Nord Liguria del Comune di Genova – hanno dichiarato i leghisti – esprime la propria solidarietà a tutti i residenti di Multedo ed afferma di essere al loro fianco in tutte le dimostrazioni cittadine che vorranno intraprendere per contrastare l’insediamento dei migranti voluto da Prefettura e Curia presso l’ex asilo Govone, che si stanno mostrando completamente indifferenti alle reali problematiche della zona da tempo segnalate ed alle richieste degli stessi residenti, in gran parte anziani e fortemente preoccupati.

Martedì in consiglio comunale verrà presentato un ordine del giorno nel quale si impegna il Sindaco Bucci a rendersi parte attiva in opera di sensibilizzazione verso Prefettura e Curia, evidenziando la grave criticità della collocazione scelta, nonché a mettere in atto urgente istruttoria tecnica per verifiche urbanistiche, edilizie e sanitarie del medesimo edificio.

Come Gruppo Lega Nord si ribadisce che queste decisioni prefettizie sono il frutto della politica scellerata che da anni grava sul nostro Paese prodotta da Governi di sinistra ‘illegali’ in quanto non eletti dai cittadini”.

 

20 COMMENTI

  1. Multedo non si piega e blocca L’ uscita della autostrada, con attraversamenti calcolati.
    Un vero esempio di unità contro questa imposizione.
    Certo che se questo fosse stato il comportamento del Centro Storico in questi anni, non saremmo ridotti in questo modo.
    La delibera sullo SPRAR non doveva passare, ma non tutti gli alberi verdi della sala rossa del comune,non sembrano voler fare ombra o portare avanti le promesse elettorali.
    Confidiamo nei turnover promessi dal primo cittadino.

  2. Comunque per tutto questo schifo di falsa accoglienza e vera invasione africana, il Partito Democratico si dovrebbe solo vergognare, ma ancor di più, tutti coloro che lo hanno votato e ancora lo sostengono. Vorrei chiedere a queste merde di sinistra se a questi fancazzisti saranno concessi gli status di rifugiati pur non scappando da nessuna guerra ma dal lavoro del loro paese, e fino a quando dovranno fare qui in Italia i turisti per sempre a spese degli italiani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here